(S)Visti da Lontano – Finalmente la Dea bendata si è ricordata del Genoa

La storia è piena di “tiracci” della disperazione a sfavore del Grifone: ieri la fortuna ha accompagnato il tiro di Criscito nella porta della Lazio

2196
Federico Santini
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa vince all’ultimo minuto (finalmente!) con un tiro della domenica (finalmente!) di un difensore (finalmente)! Non ce ne voglia Mimmo Criscito ma il gol di ieri è da ascrivere in prevalenza a una botta di fortuna (finalmente)! Del resto la memoria dei genoani è piena zeppe di sconfitte occorse in zona Cesarini per colpa di “tiracci” della disperazione capaci di evolversi in incredibili traiettorie o di difensori capaci dopo il 90 esimo di trasformarsi in inattesi bomber.

Ricordiamo il pallonetto di Romagnoli, nel recupero di Milan-Genoa di dicembre scorso. Radu è stato complice, ma la palombella del milanista è tanto incredibile quanto beffarda.

Luis Alberto fece il suo primo gol in Seria A proprio a Genova: un destro allo scadere del secondo tempo per un Genoa – Lazio finale 2-2, che prolungò l’agonia della corsa salvezza dello Juric 2.

Da ricordare anche il terzo tempo-testa e rete di Rossettini (si proprio l’ex genoano) che questa volta all’ultimo respiro regalò i tre punti al Bologna (0-1 nel 2015).

Impossibile dimenticare i tiracci 2014 di Cerci e Immobile, a rimontare e capovolgere in 2 minuti tra i minuti 92 e 93 il vantaggio inziale siglato da Gilardino.

La magia di Pirlo, sempre nel 2014, su punizione, fu solo una beffa perché la classe del calciatore e le sue traiettorie non sono annoverabili come “colpi di fortuna”.

La storia è piena di altri “lucky strike” degli avversari; Mexes in Milan-Genoa 1-3, Mutu nel famoso 3-3 contro la Viola nel 2009.

Riteniamo tuttavia che un gol rappresenti l’essenza della “sfiga” dei Genoani.

E’ impossibile infatti rimuovere l’incubo del gol di Martelli in pieno recupero di quel Torino- Genoa 3-3 del 1997.

Un tiraccio a occhi chiusi (ipse dixit) da trenta metri del difensore granata per un pareggio che cambierà la storia del Genoa.

Quel 3-3 infatti, peserà come un macigno a fine campionato sul quinto posto finale della squadra allenata da Attilio Perotti, che vedrà sfuggire la promozione in quel di Ravenna per 1 punto ai danni del Bari.

Il Genoa ieri ha ricevuto un piccolo rimborso dalla Dea Bendata in termini di “gol della domenica”.

Genoa Strakosha Lazio
Strakosha bucato dal gol di Criscito (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.