Ursino: “Campionato equilibrato, mi dispiace per Juric ma sono convinto farà una grande carriera”

Il ds del Crotone ha parlato ai microfoni di We Are Genoa soffermandosi sull'ex tecnico del Grifone

50
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

A “We are Genoa“,  è intervenuto il ds del Crotone Ursino, prossimo avversario del Genoa in Coppa Italia, soffermandosi su due ex rossoblù: Ivan Juric e Rolando Madragora. «Sicuramente  domani giocherà chi fin qui ha avuto poco spazio, è giusto così, si impegnano tutti alla grande. La nostra caratteristica è prendere calciatori con questo spirito. Il nostro obiettivo è salvarsi, ma cercheremo di passare il turno di Coppa Italia. L’anno scorso abbiamo giocato spesso lontano da casa a causa dell’indisponibilità del  nostro stadio, da Firenze è partita la nostra rimonta. Quest’anno c’è più sicurezza e ce la giocheremo fino all’ultimo, questo campionato è molto equilibrato sia in alto che in basso. Secondo me ce la giocheremo con 7-8 squadre.  Ritorno di Palladino? No, sugli esterni stiamo bene, chi decide di andare è difficile che rientri da noi. Palladino è stato determinante nella vittoria del campionato di B, ha deciso di venire a Genova ed è giusto che resti li. Con Juric toccato un tasto dolente, ci tengo a lui. Ivan tra gli allenatori giovani è quello tra i più preparati. Non so cosa sia successo a Genova, per me un allenatore deve essere sempre protetto, lui può avere tanti difetti ma come allenatore è uno dei migliori che ho avuto. È stato molto. ma molto sfortunato, vedremo negli anni chi avrà ragione.  Per me, per come lo conosco, è molto preparato, sa gestire gli uomini,  secondo me tra le nuove leve è uno dei migliori. Ognuno scegli la destinazione più gradita,  lui è innamorato di Genova e del Genoa non ci ha pensato due volte quando si è palesata l’opportunità di allenare il Grifone. Un altro anno da noi o in una società come la nostra poteva fargli non bene, ma benissimo, Ricordo Gasperini,  l’ho avuto 3 anni, dopo questo lasso di tempo è giusto cambiare. Abbiamo visto che tipo di allenatore è Gasp, e per me Ivan dovrebbe fare così. Mandragora è straordinario, secondo me la Juve non se lo lascerà sfuggire e rientrerà li. Sta avendo miglioramenti eccezionali, ciò che mi ha colpito di lui, al di la delle qualità tecniche è  la sua grandissima personalità. È molto più maturo dell’età che ha, arriverà subito in una grande squadra».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.