Correva l’anno 1921: un Bologna corsaro si aggiudicò il primo incontro col Genoa

Nella prima partita ufficiale, i petroniani sconfissero 2-1 il Grifone in campionato sul terreno di Marassi

218

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

A distanza di nove anni dalla sua prima apparizione a Genova per affrontare il Genoa in una partita amichevole persa 1-4 un Bologna ben più competitivo si ripresentò sul terreno di Marassi per disputare il primo incontro ufficiale tra le due squadre, valido per la II giornata del Girone A della seconda fase della sezione settentrionale del Campionato Italiano 1920/1921, che dava un lasciapassare per le Semifinali zonali. I felsinei, la cui corsa verso il titolo sarebbe stata fermata solamente dalla Pro Vercelli, vittoriosa per 2-1 ai tempi supplementari, nella finale zonale disputata a Livorno domenica 17 luglio 1921, si dimostrarono nettamente superiori sul piano atletico, superando per 2-1 il Genoa, che presentò un quintetto d’attacco (Percy Grahame «Polidor» Walsingham, Angelo «Baletta» Dellacasa I, Celeste «Enrico» Sardi I, Renzo «il Figlio di Dio» De Vecchi e Augusto Bergamino I) davvero poco omogeneo, come si notò nella ripresa, iniziata sullo 0-0, nonostante il vento a favore.

Dopo una novantina di secondi il felsineo Bernardo Perin colpì con un bolide il palo e al 5’, sfruttando un errore di Carlo Ferrari I su un passaggio alto di Giuseppe “Geppe” Della Valle III, si involò verso la porta genoana, dribblò Leone Marino Scotti e batté da distanza ravvicinata Italo Ricci. Al 19’ Della Valle III calciò da circa venticinque metri un pallone alto, che, frenato dal vento, picchiò per terra, eludendo l’intervento dell’estremo difensore genoano.

Al 31’ per uno sgambetto a Sardi I il Genoa fruì di un calcio di rigore della cui battuta s’incaricò l’inglese Walsingham. Francesco Gianese respinse il tiro, che venne ribadito in porta di testa da Sardi I. Il Genoa tentò di acciuffare il pareggio, ma non vi riuscì ed alcuni suoi facinorosi tifosi cercarono di prendersela con il signor Giuseppe Venegoni di Legnano, la cui incolumità venne difesa dai dirigenti del sodalizio di Villetta Serra.

Genova, domenica 17 aprile 1921, Stadio “Campo del Genoa”

Genoa-Bologna 1-2 [II giornata del Girone A della seconda fase della sezione settentrionale del Campionato Italiano 1920/1921]

Arbitro: Venegoni [Legnano (MI)]

Spettatori: 10mila circa

Marcatori: nel secondo tempo 5’ e 19’ Della Valle III, 19’ Sardi I

Genoa: I. Ricci; C. Ferrari I, L. M. Scotti; O. Barbieri, Bergamino II, Leale; Walsingham, Dellacasa I, C. Sardi I, R. De Vecchi, Bergamino I. Allenatore: Garbutt.

Bologna: Gianese; Zecchi, F. Rossi; Spadoni, G. Baldi, Genovesi; Della Valle II, Della Valle III, Alberti II, Perin, Pozzi. Allenatore: Felsner

Note: al 31’ del 2° T. Walsingham si fa respingere un calcio di rigore da Gianese (C. Sardi I segna di testa sulla ribattuta).

Stefano Massa

(membro del Comitato Ricerca e Storia del Museo della Storia del Genoa)

William Garbutt (Wikipedia)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.