Quel leggendario 7 settembre 1893 e quell’ultimo scudetto conquistato dal Genoa nel 1924

Il club più antico d'Italia ricorda attraverso il suo sito ufficiale la sua data di nascita e l'ultimo titolo che si era aggiudicato il 7 settembre 1924

800
Genoa
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Mancano poche ore alla meta del 7 settembre. Il giorno del compleanno del Genoa. Il club più longevo e in possesso del documento più antico nella storia del nostro calcio. L’atto costitutivo datato 1893. Oggi esposto al Museo al Porto Antico e ritrovato, anni fa, tra i ricordi più cari di un genoano come Gioanbrerafucarlo. Primi a vincere. A partire da quei trofei che, ai tempi, valevano più degli scudetti. Il Grifone non festeggia la ricorrenza. Dalla tragedia di Ponte Morandi è passato troppo poco. Non si vuole, non si può, non si deve. Solo per la memoria.

Proprio il 7 settembre del 1924, allo stadio Oncino di Torre Annunziata, il Genoa di De Prà e Burlando, Catto e De Vecchi, Santamaria e Barbieri, pareggiando 1-1 con il Savoia la seconda finale nazionale, si aggiudicò il suo nono e ultimo scudetto. Le finali con il Bologna. Le rivendicazioni della stella si sarebbero materializzate solo più avanti. Il fischio d’inizio fu impartito alle 16:25. L’accoglienza riservata in città, anche dal sindaco alla nostra squadra, da autentica leggenda, commosse la dirigenza, mister Garbutt, i giocatori. Vantaggio di Moruzzi, pareggio di Mombelli.

Il 31 agosto a Genova, calcio d’inizio alle 16:25, si era disputato l’antefatto della prima finale con i campani. Catto e Sardo segnarono nel primo tempo aprendo le porte del paradiso. Poi Bobbio realizzò il gol della bandiera del Savoia e Santamaria fissò il risultato sul definitivo 3-1. Tornando al 7 settembre. E’ una data scolpita nella pietra pure per altro. Coincide infatti con la nascita di due genoani che hanno fatto impazzire e gioire, esultare e trionfare. Due di quelli entrati nella galleria degli eternamente famosi: Julio Cesar Abbadie e Tomas Skuhravy.

Genoa Cfc

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.