In libreria da lunedì “Gli Svizzeri, Pionieri del Football Italiano 1887-1915”

L'ultima fatica di Massimo Prati è un omaggio agli svizzeri che hanno diffuso il gioco del calcio in Italia: si parla molto anche del Genoa

700
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Lunedì sarà in tutte le librerie “Gli Svizzeri, Pionieri del Football Italiano 1887-1915”, ultima fatica letteraria del professore (nonché grande tifoso del Genoa, ben presente nel volume) Massimo Prati. Il libro è un omaggio agli svizzeri che hanno diffuso il gioco del calcio in Italia: si pensa sempre agli inglesi come i primi fondatori del “Cricket and football club” nel triangolo industriale Milano-Genova-Torino. In realtà, la comunità elvetica ha avuto un’influenza importante nella crescita e diffusione del calcio nel nostro Paese. Prati racconta che sono stati svizzeri i primi presidenti di Genoa e Juventus che ottennero le prime vittorie. Non solo: cittadini di nazionalità svizzera sono stati i fondatori di Milan, Inter e Torino. Il racconto da Bologna e La Spezia arriva fin nel Sud, a Bari dove ci sono stati giocatori o dirigenti del paese rossocrociato. Prati ricorda che, dopo l’Inghilterra, proprio la Svizzera è stato il paese dove c’è stata un’ampia diffusione del gioco del calcio: ad esempio, il San Gallo è stato fondato nel 1879, il Basilea nel 1893 e lo Young Boys di Berna nel 1898. Un dettagliato e minuzioso lavoro di ricerca storica di Prati, formatore presso l’Istituto Supercomm di Ginevra, che illustra un aspetto non molto conosciuto dello sport più popolare in Italia.

TITOLO: Gli Svizzeri, Pionieri del Football Italiano 1887-1915

AUTORE: Massimo Prati

EDITORE: Urbone Publishing

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.