Tavecchio: “Diritti tv 2018-2021 non assegnati, proporremo un nuovo bando”

Il commissario della Lega di A ha spiegato che "l'assemblea della Lega Serie A ha deciso di non assegnare i diritti tv a nessuno dei concorrenti"

62
Carlo Tavecchio (Foto Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Adesso è ufficiale: come nel gioco dell’oca, l’asta per i diritti tv della serie A 2018-2021 deve iniziare daccapo. Come ha spiegato poco fa Carlo Tavecchio, commissario straordinario della Lega di A, la procedura è fallita: “Ritenendo che le offerte – si legge su Gazzetta.it – non rappresentino il valore reale del calcio italiano, con voto unanime l’assemblea della Lega Serie A ha deciso di non assegnare i diritti tv a nessuno dei concorrenti”. Tavecchio ha poi spiegato che dovrà essere pubblicato un nuovo bando il cui “valore di partenza sarà quello indicato in questo bando”, pari a un miliardo di euro. C’è tempo “fino a novembre-dicembre, sei mesi prima dell’inizio della prossima stagione” conclude.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.