Correva l’anno 2015: il Genoa in 10 uomini agguantò in extremis la vittoria contro il Chievo

Tachtsidis scoccò il tiro vincente che diede la vittoria 3-2 al Grifone sui veronesi

70
Lo striscione in Gradinata Nord per ricordare Franco Scoglio durante Genoa-Chievo nel 2015 (Foto Gabriele Maltinti/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Domenica 18 ottobre 2015 allo stadio “Luigi Ferraris” si giocò per l’ottava giornata del Campionato di Serie A un memorabile incontro tra il Genoa e il ChievoVerona, vinto in extremis dai rossoblù. Per ricordare «il Professore» Francesco «Franco» Scoglio, grande allenatore del Genoa in diversi momenti tra il 1988 e il 2001, a dieci anni dalla scomparsa e quel giorno rappresentato nel prepartita in campo e durante l’incontro in tribuna da suoi familiari, che il giorno prima avevano visitato il Museo della Storia del Genoa, vennero esposti vari striscioni tra cui quello in Gradinata Nord “UNICO, SOLO, INEGUAGLIABILE E INSOSTITUIBILE, CIAO, PROF.!” e quello nei Distinti recante la famosa frase del tecnico eoliano “NOI SIAMO IL GENOA E CHI NON NE È CONVINTO POSI LA BORSA E SI TOLGA LE SCARPE”.

Lo striscione in Gradinata Nord per ricordare Franco Scoglio durante Genoa-Chievo nel 2015 (Foto Gabriele Maltinti/Getty Images)
Lo striscione in Gradinata Nord per ricordare Franco Scoglio durante Genoa-Chievo nel 2015 (Foto Gabriele Maltinti/Getty Images)

 

Lo striscione per il professor Scoglio nei distinti. In primo piano l'arbitro Paolo Silvio Mazzoleni durante Genoa-Chievo nel 2015 (Foto Gabriele Maltinti/Getty Images)
Lo striscione per il professor Scoglio nei distinti. In primo piano l’arbitro Paolo Silvio Mazzoleni durante Genoa-Chievo nel 2015 (Foto Gabriele Maltinti/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.