Ieri vertice di mercato tra Preziosi, Juric e Donatelli

Due gli acquisti: in difesa partirà Munoz (Olympiakos su di lui), a centrocampo l'Atalanta bussa per Laxalt e offre 10 milioni

54
Preziosi Juric
Enrico Preziosi e Ivan Juric a Pegli (da Genoacfc.it)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Prima sul terreno di gioco, poi a cena, ieri c’è stato un importante incontro tra il presidente Preziosi, mister Juric e il ds Donatelli per parlare di calciomercato. Stando a quanto trapelato da La Repubblica – Genova, sarebbe stata concordata l’esigenza di acquistare almeno due pedine: una certamente in difesa, dove Munoz potrebbe lasciare perché su di lui è forte l’interesse dell’Olympiakos. I greci hanno offerto un milione, il Genoa ne chiede 2,5 e sa che pure il Getafe è interessato all’ex Palermo: una volta ceduto l’argentino, ecco che sui taccuini rossoblù partirà l’affondo per quel difensore che sa impostare l’azione (Ranocchia su tutti, poi Paletta e Zapata defilati). L’altra pedina che servirebbe potrebbe esser un esterno a sinistra, dove Diego Laxalt potrebbe partire: l’uruguaiano è opzionato dall’Atalanta nel caso in cui gli orobici dovessero lasciar partire Spinazzola, anche perché a Gasperini piace e non poco.

Il Grifone ha fatto sapere a Percassi che non mollerà il centrocampista dalle treccine per meno di 10 milioni, anche perché nello schema di Juric è un giocatore di fondamentale importanza e la sua sostituzione sarebbe comunque un punto interrogativo. Nel complesso, comunque, l’incontro ha ribadito l’esigenza di apportare migliorie mirate alla rosa, proseguendo con la sintonia in fase di mercato che ha contraddistinto questa sessione fino a questo momento. Ed Enrico Preziosi si è mostrato visibilmente sereno.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.