Il Tempo: ha vinto la jella, non il Genoa

Il quotidiano romano: gran gara della Lazio

1631
Sanabria Criscito
Criscito e Sanabria sotto la Nord (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Vivere una gara al cardiopalma, come quella decisa al 94′ di ieri da Mimmo Criscito, è un privilegio che si sconta col peso del dover tirare i bilanci a bocce ferme. Questa mattina l’apertura del quotidiano romano “Il Tempo” indica come la vittoria del Genoa ieri sulla Lazio non sia stata meritata, in quanto raggiunta solo nel finale, grazie a reti di rimpallo (Sanabria), e “gol della domenica” (Criscito). Un commento critico che vede però una grande gara dei biancocelesti, encomiabilmente arrivati a Genova con svariate defezioni e animati dalla rabbia scaturita dalla sconfitta casalinga nel giovedì d’Europa League contro il Siviglia di Wissam Ben Yedder: Wallace, Bastos, Luiz Felipe, Lukaku, Durmisi, Parolo, Milinkovic-Savic, Luis Alberto e Berisha, potrebbero farci una formazione. Assenze obbligate di un certo peso, cui la sorte avrebbe dato un decisivo apporto perfezionando in ultimo i cambi azzeccati da Prandelli e imbrigliando il sistema biancoceleste una volta uscito dal campo l’ex di giornata Romulo. Una domenica da dimenticare, insomma, per una Lazio il cui futuro si fa nebuloso e difficile da accettare alla luce di una beffa come quella del Ferraris.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.