Corriere dello Sport, sogna la Lazio ma festeggia il Genoa

Non riesce ai biancocelesti il colpaccio al Ferraris

725
Genoa
Genoa in gol (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il sogno della Lazio – scrive stamani il Corriere dello Sport – si sgretola di botto. S’incrina quanto Pedro Pereira va al cross dalla destra, comincia a crollare quando Mimmo Criscito s’appresta a concludere in porta, piegato come un compasso nel prender la mira, infine cade al suolo definitivamente quando la traiettoria di quel pallone calciato con gran precisione entra nel sacco. Strakosha immobile, quasi incredulo, gioia e tripudio in un Ferraris gremito e più che mai incredibilmente esaltato dal gol del capitano. Il primo dal ritorno dalla Russia, dopo che già in Genoa-Parma al numero 4 fu annullata una marcatura dal Var per fuorigioco. Era il 7 ottobre, altri tempi, altri compagni, altre partite e altri tecnici. Ieri Criscito s’è preso la scena, palo e gol, disintegrando le ambizioni della Lazio circa un pari forse giusto da portar a Roma. Un punto svanito nel finale, così, beffardo e segnato dal destino.

Come il gol del Genoa che aveva pareggiato l’iniziale vantaggio di Badelj: corner conquistato caparbiamente da un Pandev indemoniato, da buon ex, spizzata di testa dell’ex Roma Zukanovic, Caicedo immobile, Leiva confusionario e Tony Sanabria al terzo gol in quattro partite. Il Milan avrà pure preso il treno Champions con Piatek, ma non si può dire che a Genova il pistolero non sia stato sostituito. Così all’ultimo respiro l’ha vinta Cesare Prandelli, coi suoi cambi, con la sua idea di calcio e con gli aggiustamenti necessari a mandar in crisi l’assetto laziale. La Lazio ha cominciato la ripresa forte dell’entusiasmo post-vantaggio, stava bene e s’è lasciata andare. Marassi non si sbanca.

Ecco di seguito il tabellino stilato dal quotidiano romano:
Genoa (4-3-3): I. Radu; Biraschi (dal 43′ st Pereira), Romero, Zukanovic, Criscito; Lerager, Radovanovic (dall’11’ st Pandev), Rolon; Lazovic (dal 1′ st Bessa), Sanabria, Kouamé. All: Prandelli. A disp: Marchetti, Jandrei, Gunter, Gi. Pezzella, Lakicevic, Veloso, Dalmonte.
Lazio (3-5-2): Strakosha; Patric, Acerbi, S. Radu (dal 27′ Jordao); Marusic, Romulo (dal 19′ st Leiva), Badelj, Cataldi, Lulic; Correa, Immobile (dal 10′ st Caicedo): All: Inzaghi. A disp: Proto, Guerrieri, Kalaj, Pedro Neto.
Reti: 44′ pt Badelj, 30′ st Sanabria, 48′ st Criscito. Ammoniti: Romero, Pandev, Criscito (G), Patric, Badelj (L). Arbitro: Banti.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.