Serie A, emergenza stranieri: solo quattro su dieci sono italiani

Così si vanifica il lavoro dei settori giovanili

821
Serie A Pinamonti Fazio
Pinamonti evita Fazio (Foto Genoa cfc Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Corriere della Sera riporta che la Serie A ha toccato il nuovo apice di stranieri. Si tratta del 60,4%: in sostanza, solo quattro calciatori su dieci sono italiani. Un dato preoccupante perché vanifica il lavoro dei settori giovanili e rischia di soffocare l’emersione dei nostri ragazzi. E il Genoa, da questo punto di vista, insegna con l’esplosione di Paolo Ghiglione.

Tra i cinque maggiori campionati europei la Serie A è il secondo con più stranieri: primo posto per la Premier League (65%), terza la Bundesliga (52,5%), poi Ligue 1 (46,6% ma la Francia sfrutta un sistema di naturalizzazione diverso da ogni altro Stato) e ultima la Liga col 40%.

Inglesi e spagnoli, vertice e coda di questa speciale graduatoria, traggono benefici in modo differente. La Spagna, con pochissimi stranieri, vede fiorire le proprie selezioni Nazionali: l’U21, da ultimo, è campione d’Europa. I club d’Inghilterra, invece, con i britanni in minoranza, hanno monopolizzato le finali delle coppe europee del 2019: Liverpool-Tottenham in Champions League, Chelsea-Arsenal in Europa League.

Alessandro Legnazzi – Francesco Patrone

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.