Il Genoa alza la media dei rigori segnati in Serie A

Studio del CIES: Grifone migliore di Atlético Madrid e Manchester City

442
Il rigore trasformato da Criscito in Genoa Atalanta (Foto Genoa cfc Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

I dati della trecentesima edizione del Weekly Post del CIES Football Observatory, raccolti nel corso delle stagioni 2017/18, 2018/19 e 2019/20 da InStat, parlano chiaro. Si analizzano frequenza e precisione in occasione di calci di rigore a favore, un dato che vede il Genoa nella media (non si può dire lo stesso per quanto riguarda il numero di allenatori cambiati nell’ultimo quinquennio)

IL GENOA – Decima squadra per minutaggio necessario a procurarsi un tiro dagli undici metri (483‘, in media in Serie A ne servono 249’), il Genoa è a metà classifica. Così pure per il tasso di realizzazione, un 78,9% che proietta il club più antico d’Italia sopra la media del campionato (77,1%). Estendendo il paragone, il Genoa realizza esattamente tanti rigori in media quanti il Leicester in Premier League (78,9%): il Grifone meglio anche di Borussia Dortmund, OGC Nizza, Atlético Madrid, Olympique Marsiglia, Borussia Monchengladbach, Manchester City e Manchester United.

LE SQUADRE – Lo Stella Rossa è il club europeo con più rigori a favore in media (uno ogni 209′). Segue l’IFK Mariehamn, in Finlandia (262′), che però ne sbaglia quasi il 37%. Al nono posto la prima italiana in graduatoria, ovvero la Lazio (uno ogni 296′), seguita da Sporting e Benfica, e inframezzata da Panathinaikos e PAOK, quindi la Sampdoria (325′), sedicesimo club al mondo per frequenza media di ottenimento di calci di rigore a favore.

Al club degli infallibili, cui fa parte una nutrita schiera di squadre svedesi (Hammarby, Norrköping, Sirius, Östersund e Djurgården) e greche (AEK Atene, Larissa e Asteras Tripolis), seguE a breve distanza il Crotone (91,7% di rigori realizzati), poi Inter (91,3), Hellas Verona (86,4) fino al Sassuolo, che si ferma al 58.8%.

I CAMPIONATI – La Serie A è il quinto campionato europeo per presenza di calci di rigore: in media ogni 249′ ne viene assegnato uno, meno solo di Ekstraklasa (230′), Prem’er League ucraina (231′), Super Liga serba (233′) e Süper Lig turca (238′). Per cercare metri di paragone più simili, la A è il primo dei cosiddetti “big five”. Segue la Ligue 1 (262′), poi Liga (268′) e così via, con la Premier League distaccata (382′) e ultima in classifica l’Eliteserien norvegese (389′), curiosamente poco distante da altre due leghe nordiche, rispettivamente Allsvenskan (336′) e Superligaen (343′).

Se la percentuale decreta gli infallibili cecchini croati (81,9% di rigori realizzati), così come i tiratori greci e portoghesi (80,3%), in Italia si tende a sbagliare leggermente di più (77,1%, meglio della Premier League inglese ma peggio de La Liga). E il campionato con maggiori errori dagli undici metri è la Veikkausliiga finlandese, in cui solo il 65% delle massime punizioni entra in porta.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.