Caso Gavillucci: il Collegio di Garanzia dello Sport accoglie il ricorso dell’Aia

L'arbitro di Latina aveva fatto ricorso contro la dismissione da arbitro di serie A per “motivate ragioni tecniche”. Si legge in una nota: «Ciò è la conferma che l’Associazione opera con trasparenza e fondando la sua azione sulla meritocrazia»

872
Gavillucci
L'arbitro Gavillucci. Chievo-Genoa 11, febbraio 2018 (Foto Dino Panato/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Claudio Gavillucci ha perso il suo ricorso contro l’Aia. L’ex arbitro era stato da arbitro di serie A per “motivate ragioni tecniche” al termine della scorsa stagione. In una nota l’Aia spiega: «Ieri il Collegio di Garanzia dello Sport ha posto fine al contenzioso promosso dall’associato Claudio Gavillucci, stabilendo in modo definitivo che l’AIA ha agito legittimamente, nel rispetto delle regole, quindi in modo inoppugnabile. Ciò è la conferma che l’Associazione opera con trasparenza e fondando la sua azione sulla meritocrazia, quale unico criterio selettivo dell’attività arbitrale, a tutela di tutti gli associati e del calcio italiano. Il terreno di gioco è l’unico vero giudice della nostra attività. Il movimento arbitrale continuerà a lavorare speditamente con impegno, passione e divertimento, nel normale approccio sportivo. Contestualmente saranno valutate azioni da intraprendere nei confronti di tutti quelli che, associati e non, hanno tentato di screditare l’AIA e la sua organizzazione durante tutto questo periodo».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.