Sarà impossibile attuare l’azionariato popolare al Genoa

I 90 milioni di debiti rendono inattuabile, al momento, il progetto descritto da La Repubblica. E sul mercato, via Izzo: dentro Andreolli o Ranocchia

39
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Non c’è solo il valzer di mercato tra le colonne che La Repubblica – Genova destina al calciomercato del Grifone. Sul reparto offensivo trovate tutto in un pezzo a parte, perché il Genoa pare molto attivo sul mercato e allora le piste sono molteplici: in difesa, ad esempio, il quotidiano vede già quasi per fatta la partenza di Armando Izzo. Il difensore di Scampia passerebbe all’Inter nel maxiscambio con Pellegri, che porterebbe all’ombra della Lanterna l’attaccante Puscas (la scorsa stagione al Benevento e protagonista dei playoff promozione in Serie A con tre reti in altrettante partite) e il difensore Ranocchia. Si tratterebbe di un ritorno per lui, reduce dal prestito in Premier League all’Hull City. Ecco però che anche Biabiany e Andreolli potrebbero esser utili a Juric. Se Izzo invece seguisse le orme di Simeone e si trasferisse a Firenze, ecco che anche l’affare Pellegri potrebbe esser mezzo in stand-by.

Qualche precisazione infine sulla situazione del Genoa: non ci sono acquirenti alle porte e dunque Preziosi per il momento continua da solo. Il fondo arabo non c’è e se c’è sarebbe interessato esclusivamente alla Giochi Preziosi e non al Grifone. E il progetto di azionariato popolare di cui La Repubblica – Genova parlava qualche giorno fa sarebbe di colpo inattuabile a causa della complessa situazione debitoria del club. Sarebbero di oltre 60 milioni le pendenze accertate, ma contando che Preziosi con Cellino aveva avanzato la richiesta di buonuscita pari a 30 milioni ecco che potrebbero in realtà esser 90. E coi fatidici 10mila soci, sarebbe necessario tirar fuori 10mila euro a testa solo per coprire i debiti: le banche ovviamente verrebbero incontro e qualche imprenditore maggiore potrebbe farsi carico di una fetta maggiore della torta, ma il problema è sempre lo stesso. E scendere a patti con Preziosi al momento pare assai arduo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.