Il Giornale P&L, Ballardini: “Il Genoa deve fare di più”

Elogio alla Lazio ("Squadra forte, senza punti deboli"), poi il grido: "Voglio un Grifone umile"

52
Mattia Perin (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La Lazio fa paura? No, o almeno, non a Davide Ballardini che poi però ritratta parzialmente: “Solo se è il Genoa che io conosco”. Il mister ravennate non ha parole che per il prossimo impegno, quello di domani sera all’Olimpico, così come non ha dubbi sul comportamento che il suo undici dovrà attuare sul campo: “Voglio un Grifone che sappia stare in campo, attento, serio, umile e con tanta voglia di uscire da questa situazione”. Messaggio importante, alla vigilia della vigilia del rientro a Roma, dove Ballardini aveva speso parte della sua carriera trionfando pure in Supercoppa a Pechino nel 2009. La Lazio odierna è cambiata molto, tuttavia l’elogio del tecnico romagnolo non s’è fatto attendere: “Sono una squadra forte, senza punti deboli. Sanno stare bene in campo, hanno una rosa ben costruita”.

Quello che campeggia nell’edizione odierna de Il Giornale del Piemonte e della Liguria è però anche un invito ai suoi calciatori affinché si presentino sul campo affamati. Quando a Ballardini viene chiesta una radiografia sulla sua squadra, il mister evidenzia “soprattutto, un Genoa che deve fare di più, perché non basta quello si è fatto e bisogna sottolinearlo”. Se è vero che a Torino poteva starci la sconfitta, in fondo i valori della Juventus sono imparagonabili con quelli del Grifone, resta l’amaro in bocca dopo che l’Udinese è riuscita a tornare in Friuli coi tre punti del Ferraris. Un colpo che però consente una riflessione sullo stato attuale del club rossoblù, con tanto di migliorie possibili, al fine di metter in mostra le capacità del parco giocatori. Parole, per il momento, ma forse destinate a trovar la loro attuazione sul campo. Appuntamento domani sera, all’Olimpico.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.