Gazzetta dello Sport, Bruno Peres rifiuta il Genoa

L'ipotesi era di uno scambio di prestiti con Laxalt, ma il no dell'ex Torino ha fatto saltare tutto

33
(Photo by Paolo Rattini/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Partito Emerson Palmieri in direzione Londra, alla corte di Antonio Conte per venti milioni tondi più 8 di bonus, la Roma deve fare i conti con l’acquisto di un sostituto last minute che permetta a Di Francesco di non trovarsi impreparato in caso di forfait di Kolarov. La pista che era stata sondata con maggior forza, dunque quella relativa a Diego Laxalt del Genoa, è però ormai saltata quasi definitivamente perché la formula iniziale prevedeva uno scambio col pari ruolo Bruno Peres, ma il rifiuto dell’ex Torino alla destinazione ligure ha bloccato tutto rovinando i piani della dirigenza giallorossa. Monchi chiede 11 milioni per liberarsi di Peres, cercato dal Siviglia, così da reperire i fondi necessari per l’assalto all’olandese Daley Blind: non è escluso un ritorno di fiamma per l’esterno uruguagio del Genoa.

A riportare la notizia stamani è La Gazzetta dello Sport, che segnala come l’imminente fine alle trattative (questa sera alle 23 lo stop) convinca la Serie A ad affrettare le ultimissime compere. Ma tra le pagine della rosea trova spazio pure un’altra notizia: i pm di Milano, Filippini e Polizzi, hanno infatti firmato la richiesta d’archiviazione dell’inchiesta relativa al caso Infront e diritti tv. Tra gli altri nomi coinvolti, l’ex presidente di Infront Italy Marco Bogarelli e l’ex patron di MP & Silva, Riccardo Silva, ma pure Claudio Lotito e il presidente del Genoa Enrico Preziosi.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.