Zappacosta: «Il Covid? Sarebbe potuto accadere in qualsiasi club, i rischi sono alti»

Il giocatore del Genoa a L'Equipe: «E' cominciato con Mattia Perin, il giorno prima di avere sintomi era negativo. Poi non appena è stato trovato positivo è finito in isolamento»

1373
Zappacosta Genoa
Davide Zappacosta (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Sarebbe potuto accadere in qualsiasi club, i rischi sono alti, bisogna riflettere e trovare soluzioni». Davide Zappacosta, colpito anche lui dal Covid, racconta ai microfoni de L’Equipe i pesanti effetti dell’epidemia all’interno dello spogliatoio del Genoa. Il giocatore lo descrive con dovizia di particolari: «E’ cominciato con Mattia Perin, il giorno prima di avere sintomi era negativo. Poi non appena è stato trovato positivo è finito in isolamento. Il problema è che il giorno in cui il tampone era positivo, era già contagioso e aveva contaminato già qualcuno in spogliatoio. E da lì è iniziato tutto. Ma i tamponi successivi fatti agli altri giocatori erano negativi, anche se molti di noi eravamo già contagiati, me incluso. Ma non avevamo scelta, dovevamo comunque andare a Napoli visto che la partita era stata confermata».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.