Tuttosport, Ceravolo: “Vi racconto quando portai Milito al Genoa”

Franco Ceravolo, anche se in pochi lo sanno, è stato uno dei volti che portò l'attaccante argentino al Ferraris

1128
Diego Milito (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

In pochi lo sanno, eppure dietro all’operazione che portò Diego Milito al Genoa vi fu anche la mano di Franco Ceravolo. Lui, che alla Juventus segnalò tra gli altri Henry e Trezeguet, negli anni ha sviluppato un notevole occhio rivolto ai giovani con prospettive probabili di realizzazione. Non un caso che la lista dei debuttanti da lui promossi nel grande calcio sia lunga e comprenda pure una serie di nomi celebri nella storia moderna del Grifone: Mimmo Criscito, Raffaele Palladino e Giuseppe Sculli. Ceravolo, che per tredici anni ha messo le sue competenze al servizio della Juventus, oggi è svincolato dopo esperienze a Modena, Crotone, Spezia, QPR in Inghilterra e Guangzhou Evergrande in Cina, ed è stato intervistato da Tuttosport.

“Nessuno aveva avuto fiducia nel centravanti, Diego Milito. A me però sembrava fosse un autentico campione, e tale si sarebbe rivelato, così lo feci portare in Italia dal Genoa di Preziosi. Sicuramente però ciò che pesa il mio lavoro sono stati i ragazzi scoperti tra i 14 e 15 anni, la Juventus pagò loro solo il premio di preparazione ma poi molti sono arrivati in Serie A”. E anche Milito.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.