Prandelli a caccia di una reazione. Occorre trovare umiltà

Nelle prossime otto partite il Genoa deve reagire con la personalità e la coesione di spogliatoio

1105
Prandelli
Mister Prandelli (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’assenza di una risposta dello spogliatoio è il silenzio che assorda Prandelli. Contro l’Inter il tecnico bresciano si aspettava una reazione d’orgoglio da parte dei suoi ragazzi, reduci dal brutto ko di Udine. Invece in campo si è palesato il vuoto, un senso di pericolosa inconsistenza che ha anestetizzato i suoi cambi tecnici. A otto giornate dal termine, con ventiquattro punti in palio e la quota salvezza ancora a 40 punti, il Genoa deve tornare a giocare con umiltà, cosa che si è dimenticato di fare dopo il trionfo sulla Juventus.

Tre sconfitte nelle ultime quattro giornate, due gol fatti e sette subiti, vantaggio sulla zona calda dimezzato. Gli indicatori segnalano un pericoloso calo di forma del Grifone, autore di un inizio di 2019 caratterizzato da sei risultati utili consecutivi. Patrimonio bruciato nel mese di marzo, tra le curve di un calendario non così proibitivo con Frosinone, Parma e Udine. Il Genoa di Prandelli ha raccolto poco con le inseguitrici in classifica, rendimento opposto a inizio anno quando Ballardini era riuscito a piegare ogni diretta concorrente. Se oggi i rossoblù vantano gran parte degli scontri diretti a proprio favore un pò di merito va tributato al tecnico di Ravenna.

Il finale di stagione incuriosisce perché il Genoa affronterà squadre in corsa per un obiettivo concreto. Prandelli ha finito i bonus e terminato la luna di miele con il Grifone, durata quattro mesi. Nelle prossime otto partite il Genoa deve reagire con la personalità e la coesione di spogliatoio, elementi imprescindibili per rastrellare quà e là i sei/sette punti che mancano all’appello. Il traguardo è più vicino di quanto sembri. I rossoblù possono battere anche Torino e Roma al Ferraris a patto, però, di non rivedere la prestazione di mercoledì sera. Anche perché l’assenza di una risposta dello spogliatoio è il silenzio che assorda Prandelli.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.