Occorrono giocatori di qualità per salvare il Genoa dalla retrocessione

Fino ad ora sono arrivati due mestieranti come Behrami e Destro, la cui condizione fisica è tutt'altro che ottimale, e il valido Perin: ne avremmo bisogno di altro quattro come il portiere rossoblù

4948
Genoa Strinati Thiago Motta
Claudio Strinati
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«…Da sempre noi siamo così, come un’onda che viene dal mare…». E’ tristemente finito il girone di andata e il nostro amato Vecchio Balordo ad oggi sarebbe in serie B.

In questi giorni ho letto con attenzione gli ingterventi di esimi conoscitori del mondo rossoblù quali: il saggio Vittorio Sirianni e l’esperto Giovanni Porcella.

Il loro grido di allarme, se mai ce ne fosse bisogno, è anche il mio: il Genoa ha bisogno di rinforzi seri, preparati e soprattutto forti e l’unico che può (e deve) portarli è il Sig. Enrico Preziosi.

Hanno ragione Sirianni e Porcella: presidente, tocca a lei rinforzare la squadra se non vuole che retroceda e quindi, oltre all’onta per noi tifosi, metterebbe fine alla sua attività preferita e cioè creare plusvalenze con i i giocatori.

Ho aspettato qualche giorno per scrivere la mia rubrica in attesa di notizie sul fronte mercato…attesa vana. Ad oggi sono arrivati due mestieranti quali Behrami e Destro la cui condizione fisica è tutt’altro che ottimale ed un solo rinforzo degno di tale nome: Mattia Perin.

Abbiamo bisogno di altri tre o quattro Perin per poterci salvare ma, ad oggi, il Genoa non è più appetibile o forse il Sig. Preziosi non dà più ai giocatori quelle garanzie economiche necessarie per indossare la gloriosa “camiseta”rossoblù. Quindi Borini sceglie il Verona e Kurtic il Parma.

Non che costoro avrebbero potuto rappresentare i salvatori della Patria, ma il fatto che abbiano scelto altre strade è un importante segnale negativo che, peraltro, si era già palesato in estate, laddove, rispetto ai ventilati arrivi di Krunic, Bennacer e Caputo, ci siamo dovuti accontentare di Saponara, Cassata e Pinamonti.

Per concludere, non resta che augurarci un ravvedimento del Sig. Preziosi e che finalmente porti a Genova giocatori che per qualità, carisma e naturalmente ingaggio possano permettere al Grifo di raggiungere l’agognata ed ennesima permanenza in serie A.

Saluti rossoblù a tutti.

Claudio Strinati

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.