Manolo Portanova ai domiciliari accusato di violenza sessuale

Una ragazza accusa il calciatore del Genoa e altre due persone: i fatti sarebbero accaduti durante una festa privata a Siena

3044
Portanova Barella
Barella insegue Portanova (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’edizione di Siena del quotidiano La Nazione riporta che Manolo Portanova, calciatore del Genoa classe 2000, e altre due maggiorenni (Alessio Langella, zio di Portanova, e Alessandro Cappiello) sono attualmente agli arresti domicilari dopo l’intervento dalla squadra mobile della Questura di Siena accusati di violenza sessuale ex art. 609-bis e seguenti del codice penale ai danni di una ragazza ventenne. I fatti riguarderebbero una festa privata tenuta settimana scorsa con circa dieci persone (le quali saranno sentite come persone informate sui fatti) in una casa del centro storico di Siena: l’accusa è mossa da una giovane ragazza presente a tale festa. Una quarta persona, un minorenne di diciassette anni, è al momento soltanto indagata.

Il Correre della Sera aggiunge che uno dei quattro ragazzi avrebbe ammesso di avere avuto un rapporto sessuale, spiegando però che la giovane ragazza fosse consenziente: tesi respinta dall’avvocato Duccio Panti. Gli altri hanno negato, chiedendo la scarcerazione o almeno l’attenuazione della misura cautelare. Il Pubblico Ministero ha opposto parere negativo alla richiesta.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.