IL GIORNO – Uefa e Ceferin, calcio al buon senso

Massimo Donelli sottolinea le contraddizioni del numero uno del calcio europeo. Tanti annunci e forzature sulla ripresa: ma la situazione da Milano a Madrid è ben diversa

369
Ceferin Uefa
Aleksander Ceferin, presidente Uefa

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

In un editoriale su Il Giorno, il giornalista genovese (e tifoso del Genoa) Massimo Donelli sottolinea le numerose contraddizioni del presidente Uefa Aleksander Čeferin. Il numero uno del calcio europeo inizialmente si è lasciato andare a messaggi positivi a inizio marzo: «Lasciateci essere ottimisti e basta parlare di scenari oscuri». A seguire una minaccia al Belgio: Un giorno minaccia: «Le squadre del Belgio e le altre che pensano a una soluzione simile (ovvero non riprendere più a giocare: ndr) rischiano di non partecipare alle coppe europee nella prossima stagione». In un altro messaggio afferma: «Stiamo vivendo una situazione straordinaria e dobbiamo essere flessibili». Infine dice: «È necessario che il 3 agosto sia la Champions che l’Europa League siano terminati». Donelli spiega che il numero uno del calcio europeo ha «certamente ha una gatta enorme da
pelare: i ricchi contratti televisivi del calcio messi in discussione da Sky, Dazn e compagnia bella. Ma egli, come tutti noi, non può prescindere dalla realtà». E conclude con un consiglio: «Allora dia retta, egregio Čeferin: si regali un mini-tour fra gli ospedali e i cimiteri di Madrid, Milano e Parigi. Le sarà sufficiente per capire che parlare di calcio in Europa, oggi e chissà per quanto, come dicono a Napoli nunn’è cosa».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.