Il 2 giugno d’Argentina, “Dia del Bombero Voluntario de La Boca” fondato da genovesi nel 1884

La squadra dei pompieri scende in campo con i colori del barrio, azul y oro

539
La Boca
Cuerpo de Bomberos Voluntarios de La Boca

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il 2 giugno in Argentina è una doppia festa per chi ha origini italiane. Non solo si celebra il “nostro” 2 giugno repubblicano ma è il anche la ricorrenza della fondazione del Cuerpo de Bomberos Voluntarios de La Boca. Il corpo di pompieri, il primo d’Argentina, nacque in questo giorno nel 1884 nel barrio più xeneize dell’America Latina. E fu un drappello di genovesi a dare vita al Cuerpo – oggi uno dei simboli assieme al pittore Quinquela Martín, la colorata Caminito, il plurititolato Boca Juniors e la Bombonera – poiché i materiali di costruzione delle case de La Boca erano facile preda del fuoco.

Lázaro Baglietto, Tomás Liberti, Luis Paolinelli, Andrés Benvenuto, Esteban Denegri, José Ragozza, Romeo Scotti, Orestes Liberti, Santiago Ferro e Daniel Descalzo: sono i nomi dei pionieri genovesi del Cuerpo, fondato con il motto “Querer es Poder“. Volere è potere. Oggi i gruppi di bomberos sono più di 650 in tutta Argentina.

Ciascuno di loro svolge un’attività fondamentale per la collettività, contraddistinta dall’alto senso umanitario. E come ogni squadra che si rispetti i bomberos de La Boca scendono in campo con un’uniforme impossibile da non riconoscere: Azul y Oro. I colori del barrio. E del Boca.

¡Feliz Cumpleaños!
¡Otro Orgullo Genovés!

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.