GRIFO D’ATTACCO – L’illusione del Genoa

Il rendimento del Grifone cambia radicalmente contro le prime squadre del campionato

727
Preziosi oscar Criscito Genoa Var Prandelli Nuti Juric Ponte Morandi Genoa Piatek
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa cade a Udine e depaupera quanto di buono fatto contro la Juventus, appena due settimane fa. Parleremo del momento rossoblù con Beppe Nuti, direttore artistico e responsabile dello sport di Antennablu, nella 121ª puntata della rubrica di Pianetagenoa1893.net “Grifo d’Attacco”.

Nemmeno troppo tempo fa parlava di “Genoa delle occasioni perse“. «E lo conferma la mediocrità di questa squadra, orfana di una prima punta. Mi viene in mente il film “The Illusionist” con Edward Norton: il Genoa ha illuso i tifosi con il proprio rendimento altalenante contro grandi e piccole. Conquista quattro punti contro la Juventus e ne arraffa solo uno con l’Udinese, ad esempio».

Che cosa non le è piaciuto della partita? «Non sono un allenatore ma mi permetto di dire a Prandelli che a Udine ha sbagliato con l’azzardo di Sturaro dietro Kouamé. Il Genoa doveva fare paura all’avversario e ricercare la vittoria, forse il 4-4-2 dava più garanzie. Ciononostante, sbaglia chi fa. Male il contropiede preso dopo 202″, male il pasticcio a centrocampo e male Radu, salvato dal fuorigioco in occasione di quell’uscita scellerata su Okaka».

Il nervosismo dell’intervallo potrà avere serie ripercussioni nell’immediato futuro? «Spero di no anche se il calcio è ricco di tanti bisticci negli spogliatoi che portano a una reazione. Il Genoa non è un gruppo, mi duole dirlo: è una squadra che talvolta è sfilacciata. Litigare non porta a niente e se Prandelli minaccia provvedimenti significa che qualcosa è accaduto: le due sostituzioni all’intervallo fanno capire tutto».

Prandelli ha fatto bene solo contro le grandi: l’Inter deve avere paura? «Sono sicuro che sarà un altro Genoa contro i nerazzurri: ci sarà voglia di riscatto. Il rendimento del Grifone cambia radicalmente contro le prime squadre del campionato, lo testimoniano le vittorie casalighe contro Atalanta, Lazio e Juventus».

Beppe Nuti | Alessandro Legnazzi

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Clicca qui per leggere il precedente numero del Grifo D’Attacco

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.