GRIFO D’ATTACCO – Genoa, la strada è giusta. Andreazzoli gran signore

Rossoblù condannati dalla qualità dei singoli dell'Atalanta

3618
Andreazzoli Preziosi oscar Criscito Genoa Var Prandelli Nuti Juric Ponte Morandi Genoa Piatek
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Pranzo indigesto per il Genoa che finisce ko contro l’Atalanta. La squadra dell’ex Gasperini espugna il Ferraris con un grande gol di Zapata negli ultimi secondi di gara. Parleremo del momento rossoblù con Beppe Nuti, direttore artistico e responsabile dello sport di Antennablu, nella 137ª puntata della rubrica di Pianetagenoa1893.net “Grifo d’Attacco”.

Muriel-Zapata condannano il Genoa che non meritava il ko. Concorda? «Il risultato più giusto era il pareggio, non ho visto una grande Atalanta. Andreazzoli ha cercato la vittoria: ha bloccato le fasce avversarie mettendo Ghiglione e Barreca a uomo (per questo poco appariscenti) su Hateboer e Gosens. Ciò che ha fatto la differenza è la qualità dei singoli, da De Roon e Muriel alla potenza di Duvan Zapata che ha vinto la sfida in famiglia con il cugino Cristian».

L’Atalanta trova i tre punti nei secondi finali… «Il gol al 95′ è amaro ma poteva essere evitato con più malizia e una migliore gestione dei secondi finali. Mi spiego: nessun giocatore del Genoa (con sette uomini sotto la linea del pallone) ha atterrato De Roon che ha avuto lo spazio per servire Zapata prima della conclusione. Bastava che qualcuno spendesse un’ammonizione dopo il gol di Criscito per perdere tempo e rompere il gioco».

Come giudica il duello tra gli allenatori? «Faccio i complimenti ad Andreazzoli per la sua signorilità nel dopo partita. Non si è lamentato del caldo e, complessivamente, ha usato parole più calibrate di Gasperini. Il tecnico dell’Atalanta ha sbagliato la forma, ma non la sostanza, delle esternazioni sul rigore per il Genoa. Queste dichiarazioni creano un’antipatia che Gasperini non si merita».

Il Genoa ha un’identità che i tifosi hanno riconosciuto e applaudito nonostante la sconfitta. «Ripartiamo da qui, dal bellissimo clima al Ferraris prima, durante e dopo il match. Sono felice che allo stadio fossero presenti quasi 23mila persone per vivere un bel pomeriggio di calcio, al di là del risultato. Nel Genoa ho visto continuità di prestazione, è sulla buona strada per intraprendere una stagione tranquilla».

La reazione del Grifo già venerdì sera a Cagliari? «Sì e comprendo anche il Bologna, la settimana dopo: due gare che daranno la dimensione del Grifone. Il Cagliari ha una rosa molto strutturata dopo un grande mercato estivo. Consapevole che non sarà una trasferta facile Andreazzoli confermerà gli uomini visti ieri, senza fare rivoluzioni».

Beppe Nuti | Alessandro Legnazzi

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Clicca qui per leggere il precedente numero del Grifo D’Attacco

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.