GRIFO D’ATTACCO – Genoa, uno dei derby più brutti di sempre

Mi distacco completamente dalla sua recente gestione del Genoa. I problemi stagionali nascono a monte

1850
Andreazzoli Preziosi oscar Criscito Genoa Var Prandelli Nuti Juric Ponte Morandi Genoa Piatek
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa perde amaramente il derby n. 118 dando così spazio a molte critiche sulla rosa e sulla gestione di Preziosi. Parleremo del momento rossoblù con Beppe Nuti, direttore artistico e responsabile dello sport di Antennablu, nella 124ª puntata della rubrica di Pianetagenoa1893.net “Grifo d’Attacco”.

Il Genoa non sa più vincere la stracittadina… «É stato uno dei derby più brutti che abbia mai visto, il divario tecnico è stato quasi imbarazzante. Audero non ha effettuato parate ma la cosa peggiore è la mancata reazione al gol incassato dopo nemmeno due minuti. Trovo ingiustificate le critiche a Prandelli: la formazione è quella che tutti si aspettavano, il problema è che la rete a freddo di Defrel ha scombinato ogni piano tattico».

Calvarese non ha convinto ma è utile nascondersi dietro le titubanze arbitrali? «Non ho visto una spinta così plateale di Colley su Romero. Mi dispiace, invece, per l’espulsione di Biraschi, un’eccessiva criminalizzazione del fallo di mano: era sufficiente l’ammonizione. Calvarese non ha applicato la regola n.18 del regolamento arbitrale, il buon senso. Al di là di tutto questo, il Genoa ha rimediato una sconfitta meritata perché non ha mai dato l’impressione di poter vincere».

Preziosi è tornato nel mirino della critica. «Mi distacco completamente dalla sua recente gestione del Genoa. I problemi stagionali nascono a monte. Perché confermare Ballardini senza credere in lui? Perché tre allenatori? Come si può vendere Piatek al Milan così frettolosamente? Dove sono i rinforzi di gennaio? Se il presidente è disinnamorato lo deve dire pubblicamente e passare il testimone. Nei suoi anni si è visto il meglio del secondo dopoguerra ma questo triennio è stato fortemente negativo sotto tutti i punti di vista».

Nel fine settimana di Pasqua il Genoa riceverà il Torino. «Pleonastico dire che il Grifo non dovrà perdere la partita altrimenti la situazione sarà ancor più d’emergenza. A sei giornate dal termine il punticino fa la differenza, tenuto conto degli scontri diretti degli avversari. Penso che Prandelli tornerà al 4-5-1 inserendo Zukanovic e Günter in difesa».

Beppe Nuti | Alessandro Legnazzi

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Clicca qui per leggere il precedente numero del Grifo D’Attacco

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.