Gazzetta dello Sport: il ciclone Piatek vale 40 milioni

Si profila un'asta a gennaio

3156
Piatek
Piatek (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Cambi azzeccati e ripartenze veloci, la mano di Ballardini sulla sua creatura. Certo, il pungolo però è di primissimo piano ed è una piacevolissima sorpresa di inizio anno: Krzysztof Piatek, il capocannoniere della Serie A, mattatore di giornata con la sua seconda doppietta in Italia e la controprova di come la gazzella Kouamé sappia intendersi col compagno di reparto. Autostima mista a padronanza dei propri mezzi, coppia-gol letale e disinvoltura impressionante: il numero 9 del Genoa ha eguagliato peraltro il record di Higuain (che nella stagione 2016/17 andò a segno nelle prime 6 gare di campionato) e punta a non fermarsi proprio ora.

Pagato 4 milioni da Preziosi in estate, dal KS Cracovia, Krzyztof Piatek ne vale – stando a quanto riportato stamani da La Gazzetta dello Sport in edicola – quaranta. Cifra che conferma l’eccezionale lavoro di scouting del club più antico d’Italia, autore di un’operazione certamente da elogi. Il patron Preziosi s’incontrò con l’agente del giocatore in estate, a Ibiza per cena, cosicché quest’ultimo – Giuffrida – proponesse al suo assistito la destinazione ligure e portasse il nuovo numero 9 al Ferraris, senza clausola rescissoria ma con un quadriennale. Oggi, che in 6 gare Piatek ha tirato 12 volte nello specchio (trovando 8 reti), si attende gennaio per far partire l’asta, a suon di milioni: ha i tempi giusti d’inserimento e un raro istinto del gol, ieri s’è confermato rapace quando c’è da esserlo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.