Faggiano: «Genoa-Torino? Spero nel buon senso della Lega»

«Domani visite mediche per Scamacca. Shomuodov? Vogliamo chiudere» spiega il ds del Genoa

1965
Faggiano Preziosi Genoa
Enrico Preziosi e il ds Faggiano (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Intervenuto durante la trasmissione “We are Genoa” di Telenord, Daniele Faggiano è tornato sulla trasferta di Napoli del Grifone: «Spostare ventiquattro ore la partita era un problema perché si accavallavano con il resto delle gare. Con il senno del poi, con i tamponi positivi, avremmo giocato con una formazione rimaneggiata o non avremmo giocato del tutto. In ogni caso, siamo rammaricati dal 6-0 subito e dell’assenza di una norma che disponga il rinvio di Genoa-Torino: vedremo cosa succederà nel consiglio di domani. Spero nel buon senso della Lega, siamo fiduciosi anche perché entrambe le squadre non disputano coppe internazionali».

«Perin era l’unico “malato” di Covid-19. Schöne, invece, non è venuto a Napoli – dove il Genoa ha perso un aereo già pagato – per precauzione di tutto il gruppo. Adesso aspettiamo i risultati dei tamponi di domani. I non positivi non si alleneranno finché ce lo dirà l’Asl: ci sono calciatori e familiari che hanno la febbre, la loro salute è il problema principale» precisa il direttore sportivo del Genoa.

«Volevo ringraziare il dottor Gatto che sta lavorando ventiquattro ore su ventiquattro per assicurarci tutto il necessario» prosegue Faggiano.

Infine una battuta sul calciomercato del Genoa: «Domani Scamacca farà le visite mediche mentre per Shomurodov la nostra volontà è di chiudere il prima possibile».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.