ESCLUSIVA, BARASSO: «A Bologna sfasciai lo spogliatoio, poi fermammo la Juve» (VIDEO)

«Gasperini mi diede serenità. Oggi Nicola deve fare lo stesso» spiega l'ex portiere

3181

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ospite del “Decameron Rossoblù“, Nicola Barasso è tornato su un episodio del suo passato al Genoa. Stadio Dall’Ara, novembre 2006: Smit lo beffò con una punizione dalla media distanza. «Presi il mio primo e unico quattro in pagella. Fu un brutta figura, perdemmo 3-1, la peggior partita della mia carriera. A fine partita sfasciai lo spogliatoio dalla rabbia» racconta Barasso. La reazione, però, fu immediata e arrivò a brevissima distanza: «Dodici ore dopo eravamo ad allenarci al Pio. Gasperini mi chiese davanti a tutti: “Ti sei sfogato?”. Annuii appena senza dire una parola. “Contro la Juventus giochi te” continuò il mister».

Il venerdì venturo il Genoa fermò i bianconeri con l’1-1 firmato da Ivan Juric: «Li surclassammo, meritavamo la vittoria. Fu una notte meravigliosa. Dopo le parole di Gasperini ero certo che non avremmo perso, ebbero un effetto straordinario perché mi ridiedero serenità. Da questo punto di vista Gasperini è bravissimo, e Davide Nicola non è da meno». L’episodio raccontato da Barasso si lega all’attualità, con un Genoa che deve reagire allo stesso modo dopo la batosta rifilata dal Parma. Parlarsi chiaro, svuotare la testa, non perseverare negli errori gravi visti martedì. E fare risultato contro il Brescia, fanalino di coda della Serie A.

«Chiunque giocherà allo stadio Rigamonti dovrà dare qualcosa in più, dovrà rispecchiare la magia e la storia della maglia rossoblù che è la maglia della città di Genova» prosegue Barasso. Nicola modificherà almeno tre giocatori di movimento rispetto al Parma. Sicuri di un impiego dal primo minuto Iago Falque e Behrami, Barreca favorito su Criscito che deve risolvere un problema all’adduttore. «Conosco Mimmo e so che farà di tutto pur di giocare, anche falsificare il referto medico – scherza Barasso – ma è meglio evitare di peggiorare la situazione in vista delle future partite».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.