Criscito: «Rigore importante per la salvezza, ma domani tiferemo Torino»

«Quando ho visto l'arbitro andare al monitor ero sicuro ci avrebbe dato rigore, ho preso la palla convinto di fare gol, ho calciato forte ed è andata bene»

1078
Criscito
Domenico Criscito (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Duecentesima in rossoblù e un rigore realizzato pesante come un macigno in chiave salvezza. Mimmo Criscito, da capitano, si è assunto la responsabilità di riportare, sportivamente, in vita il Grifone. Che fosse toccato a lui in caso di penalty lo si era intuito già ieri nella conferenza di Cesare Prandelli. Mimmo, da capitano e uomo simbolo del Genoa, non si è tirato indietro. Di seguito le dichiarazioni di Criscito rilasciate in mixed zone. «Un gol importante che può fare la differenza come no, se l’Empoli dovesse vincere sarebbe un gol quasi inutile. Ma siamo fiduciosi nel Torino, con loro giocano tanti ex genoani, speriamo facciano una grande partita, e poi si giocano un posto in Europa. Il rammarico è per il risultato, abbiamo creato tanto come al solito ma negli ultimo metri manchiamo in qualcosa. peccato il gol sia arrivato solo all’88’, se avessimo fatto gol prima potevamo fare anche il secondo. Quando ho visto l’arbitro andare al monitor ero sicuro ci avrebbe dato rigore, ho preso la palla convinto di fare gol, ho calciato forte ed è andata bene. Domani però speriamo in un risultato negativo dell’Empoli e poi noi andremo a fare la nostra gara a Firenze. Guardare anche il Parma per la salvezza? Siano noi che il Parma abbiamo fatto bene fino a gennaio, poi c’è stato un calo e ci siamo ritrovati anche noi a lottare per la salvezza. Speriamo in un finale positivo, ci teniamo, abbiamo lottato su ogni pallone anche oggi, peccato non aver portato a casa i tre punti, secondo me erano meritati. Le polemiche post Roma? Le avevo messo già da parte, anzi, colgo l’occasione per scusarmi con chi si è sentito toccato dal mio post su Instagram, non ce l’avevo con la tifoseria organizzata ma con i leoni da tastiera. Ora però mettiamo da parte le polemiche e speriamo di poter festeggiare questa salvezza tutti insieme».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.