CORRIERE DELLO SPORT – Malagò è indagato tra i veleni

La Procura della Repubblica di Milano ha ipotizzato il reato di falso nel verbale dell'elezione di Micciché in Lega: Malagò ne era commissario straordinario. Tutto parte da alcune dichiarazioni di Preziosi

689
Giovanni Malagò presidente del Coni (Foto Paolo Tassetto da Wikipedia)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Colpo di scena: Giovanni Malagò, presidente del Coni è indagato. Il Corriere dello Sport oggi in edicola riferisce che la Procura della Repubblica di Milano ha aperto un fascicolo, ipotizzando a suo carico il reato di falso nel verbale dell’elezione di Micciché in Lega serie A del 19 marzo 2018: Malagò ne è stato Commissario. I pm indagano stanno verificando se la procedura seguita non avrebbe rispettato il regolamento, con eventuale irregolarità dell’elezione dell’ex presidente. Tutto parte da alcune dichiarazioni di Enrico Preziosi rilasciate durante un’intervista: il presidente del Genoa aveva sollevato il dubbio che non tutti i voti contenuti nell’urna sigillata fossero a favore di Micciché. Malagò ha affermato al quotidiano: «Sono assolutamente tranquillo. Tutti fatti noti e trasparenti». Al vaglio della Procura ci sarebbe anche una lettera anonima.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.