CORRIERE DELLA SERA – Giocatori sul piede di guerra per gli stipendi: «La pazienza ha un limite»

Umberto Calcagno, vicepresidente dell'Aic, ha però escluso lo sciopero

401
Calcagno AIC
Umberto Calcagno, vicepresidente AIC (foto di AIC)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sulle colonne del Corriere della Sera oggi in edicola, si sottolinea il possibile scontro tra la Figc e i calciatori per la questione stipendi. Nei giorni scorsi era stata ipotizzato un possibile sciopero, ma Umberto Calcagno, vicepresidente dell’Aic, ha precisato che «nessuno ha mai ancora pensato a un’opzione simile, ma le norme approvate sono astruse e la nostra pazienza ha un limite».

Stamattina si è espressa sull’argomento stipendi anche l’Associazione italiana allenatori (CLICCA QUI PER LEGGERE).

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.