Correva l’anno 2007: il Genoa batte il Parma con un rigore di Borriello

Fu il primo incontro serale di serie A tra i rossoblù e gialloblù: ottima prestazione del centravanti del Grifone

292
Borriello e von Bergen (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa, neopromosso in Serie A e in crisi di risultati (tre pareggi e cinque sconfitte nelle ultime otto giornate di Campionato), ricevette alle ore 18,00 di sabato 22 dicembre 2007 il Parma nel primo incontro assoluto tra le due squadre non disputato con la luce solare a livello di Campionato (le due squadre si erano già affrontate alla luce dei riflettori nel 1992 e nel 1998 in quattro incontri di Coppa Italia, tutti vinti dai ducali).

Dopo una prima mezz’ora di gioco sostanzialmente priva di emozioni per il pubblico sugli spalti, i padroni di casa, che attaccavano nel primo tempo verso la Gradinata Nord, diedero un’accelerata nei minuti finali, in cui fu protagonista il centravanti «Super» Marco Borriello I, prima con una deviazione di sinistro da un paio di metri su calcio di punizione battuto dalla destra da Omar «Hannibal» Milanetto, respinta d’istinto con il piede destro dal portiere Luca Bucci, al 34’, poi con un colpo di testa su traversone da sinistra dell’italotedesco Gaetano De Rosa a lambire la traversa al 39’ ed infine con il calcio di rigore trasformato (palla nell’angolino destro con Bucci indirizzatosi dall’altra parte), che era stato assegnato dal signor Oscar Girardi di San Donà del Piave per una netta quanto inutile trattenuta alla maglia che aveva subìto da Massimo Paci su un calcio d’angolo battuto dalla destra da Matteo Paro (incredibilmente costretto a lasciare il campo, sostituito da Marco Rossi, in quanto ferito allo zigomo destro da un’involontaria gomitata di Giuseppe «Peppe» Sculli nel «grappolo» di giocatori rossoblù esultanti per la rete!) al 42’.

Nella ripresa Borriello I si mise ancora in evidenza in un paio di situazioni (al 10’ con una fuga sulla sinistra e un traversone rasoterra che non venne deviato in porta dall’accorrente laterale sinistro di centrocampo, il croato Ivan «Pirata» Jurić, e nel finale con una «zampata» di sinistro – anche in quell’occasione respinta con il piede destro da Bucci – su incauto retropassaggio di Damiano Zenoni) inframmezzate dagli unici due tentativi di una qualche pericolosità degli ospiti (un diagonale rasoterra di destro di prima intenzione, su suggerimento dell’italo-brasiliano Reginaldo Ferreira da Silva, da una quindicina di metri di Stefano «Alto rendimento» Morrone, bloccato a terra in tuffo dal portiere brasiliano Rubens Fernando Moedim «Rubinho», al 24’ e un calcio di punizione di esterno destro dal limite dell’area di rigore, passato poco sopra la traversa, di Gianluca «il Professore» Cigarini al 27’).

TABELLINO

Genova, sabato 22 dicembre 2007, Stadio “Luigi Ferraris”, ore 18,00

Genoa-Parma 1-0 [Anticipo della XVII giornata del Campionato di Serie A 2007/2008]

Spettatori: ventitremila circa

Arbitro: Girardi [San Donà di Piave (VE)]

Marcatore: nel 1° tempo al 42’ Borriello I

Genoa (3-4-2-1): 83 Rubinho; 34 A. Masiello, 25 G. De Rosa, 33 Santos; 24 Konko, 19 Paro (dal 45’ del 1° T.: 7 Mar. Rossi), 77 Milanetto, 28 Jurić; 14 Sculli (dal 40’ del 2° T.: 29 Fabiano Lima Rodrigues), 11 Leon (dal 32’ del 2° T.: 20 Papa Waigo I); 22 Borriello I. Allenatore: Gasperini.

Parma (4-2-3-1): 5 Bucci; 33 Coly, 28 Paci, 19 Falcone, 2 D. Zenoni (dal 41’ del 2° T.: 23 Dessena); 4 Morrone, 21 Cigarini; 83 Reginaldo (dal 32’ del 2° T.: 9 Paponi), 18 Gasbarroni (dall’11’ del 2° T.: 8 Matteini), 11 Pisanu; 32 B. Corradi. Allenatore: D. Di Carlo.

Note: Fuori dallo stadio prima della partita vengono raccolti fondi per sovvenzionare l’Associazione Forum per i diritti dei bambini di Chernobyl, città bielorussa colpita da un disastro atomico nel 2006. Nel settore 5 della Tribuna assistono con i ragazzi del Genoa for Children alcuni bambini bielorussi ed ucraini, che avevano precedentemente sfilato in campo. Nel corso dei festeggiamenti dopo la trasformazione del calcio di rigore tirato da Borriello, Paro viene involontariamente colpito allo zigomo destro da Sculli e deve essere sostituito.

Stefano Massa

(membro del Comitato Ricerca e Storia del Museo della Storia del Genoa)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.