Coronavirus: rinviato a data da destinarsi il Consiglio federale del 23 marzo

Sempre più in difficoltà le istituzioni calcistiche che probabilmente attendono le decisioni di domani dell'Uefa. Gravina: «La Coppa Italia è accantonata»

183
Figc coronavirus

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Le istituzioni calcistiche sono sempre più in difficoltà davanti all’emergenza per l’epidemia di Coronavirus. Attraverso una nota sul sito ufficiale, «la Figc ha deciso di rinviare a data da destinarsi il Consiglio Federale in programma lunedì 23 marzo». E’ possibile che la Federazione attenda le decisioni dell’Uefa in merito non solo alle coppe, ma anche ai campionati nazionali. Proprio ieri, il presidente Gabriele Gravina aveva spiegato a Tg Sportmediaset XXL: Proporremo alla UEF«A di soprassedere alla disputa dell’Europeo per portare a termine i campionati: riteniamo che sia più giusto e più corretto dare l’esatta definizione a tanti sacrifici, impegni, investimenti portati avanti dalle nostre società. L’Italia è due settimane avanti rispetto alle altre nazioni, quindi ciò che riusciremo a programmare noi oggi per gli altri sarà complicato, perché non hanno ancora l’esatta dimensione del problema. Noi vogliamo completare i campionati ed è chiaro che la discriminante è la presenza dell’Europeo, un evento sul quale anche noi abbiamo investito tante energie e sacrifici. Martedì affronteremo questo tema. Noi abbiamo ipotizzato una deadline al 30 giugno – ha osservato poi il presidente della FIGC – ma non escluderei neppure la possibilità di avere una leggera proroga con l’adozione di provvedimenti urgenti sia sotto il profilo sportivo che governativo. Dobbiamo lavorare su questa ipotesi di calendario, senza dimenticare che oltre alla Serie A abbiamo altri campionati che devono avere la loro definizione. E non dobbiamo trascurare l’idea del completamento delle competizioni internazionali, Champions ed Europa League».

E proprio stamane a Radio anch’io Sport su Radio Rai1, Gravina ha affermato che la Coppa Italia ormai non è nell’agenda delle priorità: «Non ne stiamo più parlando, è una competizione che affronteremo più in là. E’ uno dei tornei che abbiamo accantonato, diamo priorità agli altri tornei».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.