Agnelli: «Il Covid ha causato perdite nel calcio per almeno sei miliardi di euro»

«Dobbiamo rimettere i tifosi al centro di tutto» spiega il presidente Eca

278
Juventus Agnelli Nyon
Andrea Agnelli (Photo by Alexander Hassenstein/Bongarts/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Al termine dell’apertura della venticinquessima Assemblea Generale dell’Eca, l’associazione che rappresenta ogni club d’Europa, ha preso parola il presidente Andrea Agnelli: «Il calcio è a un bivio, bisogna cambiare bisogna cambiare e offrire ai tifosi la migliore competizione possibile. Il Covid ha posto una serie di domande sulla sostenibilità dell’attuale modello di calcio: la perdita di incassi è attorno ai 6,5/8,5 miliardi in due stagioni. Sono colpi sulle spalle dei club».

«Dobbiamo mettere i tifosi al centro: il sistema attuale non è fatto per loro. Molto probabilmente ci sono troppe partite che non sono competitive, sia a livello nazionale che a livello internazionale: ciò non cattura il loro interesse. Non possiamo dare per scontati i tifosi, anzi noi dobbiamo offrire loro la miglior competizione possibile o rischiamo di perderli» chiosa Agnelli.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.