Nations League: Criscito convocato in Nazionale

L'esterno del Genoa è stato chiamato dal ct Mancini per le due gare contro Polonia a Bologna e Portogallo a Lisbona. Incluso anche l'ex rossoblù Pietro Pellegri

1299
Criscito contrasta Hateboer in Italia-Olanda (Foto da @Vivo_azzurro)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’esterno del Genoa Domenico Criscito è stato convocato dal ct Roberto Mancini nell’elenco dei 31 azzurri per le due gare della Nations League. L’Italia opposta giocherà contro la Polonia dell’altro genoano Piatek a Bologna venerdì prossimo alle ore 20.45. La seconda gara sarà contro i Campioni d’Europa in carica del Portogallo a Lisbona lunedì prossimo sempre alle ore 20.45. Torna in azzurro Chiellini, mentre sono chiamati per la prima volta il portiere del Cagliari Alessio Cragno, per i difensori di Spal e Fiorentina Manuel Lazzari e Cristiano Biraghi, per il centrocampista della Roma Nicolò Zaniolo. Nell’elenco è stato incluso anche l’ex attaccante rossoblù Pietro Pellegri: un altro po’ di Genoa in azzurro.

La Nazionale si radunerà nella tarda serata di domani a Coverciano e lunedì pomeriggio sosterrà la prima seduta di allenamento per poi trasferirsi giovedì a Bologna alla vigilia del match con la Polonia.

L’elenco dei convocati

Portieri: Alessio Cragno (Cagliari), Gianluigi Donnarumma (Milan), Mattia Perin (Juventus), Salvatore Sirigu (Torino);
Difensori: Cristiano Biraghi (Fiorentina), Leonardo Bonucci (Juventus), Mattia Caldara (Milan), Giorgio Chiellini (Juventus), Domenico Criscito (Genoa), Emerson Palmieri Dos Santos (Chelsea), Manuel Lazzari (Spal), Alessio Romagnoli (Milan), Daniele Rugani (Juventus), Davide Zappacosta (Chelsea);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Cagliari), Marco Benassi (Fiorentina), Bryan Cristante (Roma), Roberto Gagliardini (Inter), Frello Filho Jorge Luiz Jorginho (Chelsea), Lorenzo Pellegrini (Roma), Nicolò Zaniolo (Roma);
Attaccanti: Mario Balotelli (Nizza), Andrea Belotti (Torino), Domenico Berardi (Sassuolo), Federico Bernardeschi (Juventus), Giacomo Bonaventura (Milan), Federico Chiesa (Fiorentina), Ciro Immobile (Lazio), Lorenzo Insigne (Napoli), Pietro Pellegri (Monaco), Simone Zaza (Torino).

La formula della Nations League – La nuova competizione promossa dalla UEFA si articola su 4 categorie, dalla A alla D: l’Italia è inserita nella Lega A, che comprende le 12 nazionali con il Ranking UEFA più alto suddivise in 4 gironi da 3 squadre ciascuno. Dopo le gare di andata con Polonia e Portogallo, l’Italia ha in programma il 14 ottobre la trasferta in terra polacca e il 17 novembre l’ultimo match casalingo con il Portogallo. Nelle giornate in cui non sarà impegnata nel torneo, la Nazionale disputerà gli incontri amichevoli con Ucraina (Genova, Stadio “Ferraris”, mercoledì 10 ottobre ore 20.45) e Stati Uniti (Sede da stabilire, martedì 20 novembre).

La formula del torneo prevede gare di andata e ritorno, la vincente di ogni girone si qualificherà per la fase finale a 4 (Semifinali e Finali) in programma nel giugno 2019, che si svolgerà in casa di una delle partecipanti, e l’Italia in caso di qualificazione è candidata ad ospitare le 4 sfide decisive. L’ultima classificata di ciascun girone, invece, retrocederà nella Lega B. La classifica finale della UNL determinerà inoltre il ranking per il sorteggio delle Qualificazioni a Euro 2020, previsto a inizio dicembre a Dublino. In quella sede, le 55 Nazionali saranno suddivise in dieci gironi da cinque o da sei, con le prime due classificate di ciascun gruppo qualificate direttamente alla fase finale (20 Nazionali) del primo Europeo itinerante che celebra i 60 anni del Torneo Continentale, che si aprirà ufficialmente a Roma il 12 giugno e che vedrà disputare all’Olimpico 3 gare del girone e uno dei Quarti di Finale.

La UNL, inoltre, metterà in palio gli ultimi quattro posti per EURO 2020, attraverso i play off tra le vincitrici dei 4 gironi di ogni Lega (se non già qualificate, altrimenti si slitterà fino alla prima squadra che segue in classifica nella divisione non qualificata dalle “European Qualifiers”; se una divisione non ha quattro squadre per completare il play off, si ricorrerà alle squadre della Divisione seguente secondo l’ordine di classifica) attraverso un barrage su semifinale e finale in gara unica che promuoverà le ultime 4  qualificate all’Europeo 2020.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.