Rovella: «Il Genoa è casa mia, sogno la salvezza»

«Non penso alla Juventus ma alla salvezza con il Genoa» spiega il centrocampista

1828
Rovella Genoa
La tecnica di Rovella (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il nuovo che avanza, Rovella si candida a tutti gli effetti a rappresentare il calcio italiano nei prossimi anni, il ragazzo però dimostra di avere la testa ben salda sulla testa e i piedi  ben piantati a terra, nonostante il passaggio alla corte della Juventus. Al termine di Genoa-Verona il centrocampista rossoblù è intervenuto ai microfoni di Sky Sport. «Le urla provenienti dallo spogliatoio? Un gol all’ultimo minuto ha un sapore diverso, si esulta in maniera diversa. Oggi abbiamo messo in campo la forza del gruppo, soprattutto quando siamo rimasti in dieci: il mister ci dice sempre di rimanere uniti».

Simpatico siparietto tra Ambrosini, presente negli studi Sky, e Rovella. L’ex centrocampista del Milan confessa di averci giocato a calcio insieme durante un soggiorno in Sardegna, Rovella sorride divertito, soprattutto quando Ambrosini svela un messaggio scritto dal padre del centrocampista rossoblù in cui Rovella senior sottolinea la gamba poco dinamica del figlio, il quale ascolta divertito.

«Pressione per il passaggio alla Juventus? Anche se ho firmato per un’altra squadra qui al Genoa mi sento a casa, ho fatto tutto il settore giovanile qui e finché resterò  darò tutto. Non sento la pressione di essere definito un predestinato, io mi alleno e cero di imparare da tutti i compagni di squadra, non penso ad altro. I miei sogni? in primis salvarmi con il Genoa, il resto si vedrà».  Questo è Rovella: piedi buoni e cervello fino.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.