Il Genoa “stira” la Juventus a domicilio

Il 21 marzo del 1915 il Grifone rifila alla Zebra sul proprio campo un netto cinque a due

18
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Lo sapevate che il 21 marzo del 1915 il Genoa rifila alla Juventus sul proprio campo un netto cinque a due. Grazie a questa vittoria i rossoblu di mister Garbutt si qualificano per il girone finale. Dopo il vantaggio di Giriodi su papera del portiere Lissone, il grifone reagisce e con Santamaria pareggia. Nella ripresa Mariani porta in avanti i rossoblù che però subiscono il ritorno dei padroni di casa, che pareggiano con Baldi. Nel finale si scatena Santamaria, doppietta in pochi minuti, e quinta rete di Berardo. Il Genoa al termine del campionato conquisterà il suo settimo scudetto, anche se l’ultima gara con il Torino non venne giocata per l’inizio della Prima Guerra Mondiale. La decisione fu presa dalla F.I.G.C. dal momento che il Genoa era in testa solitario con sette punti nel girone finale.

21 Marzo 1915 Torino

JUVENTUS – GENOA 2 – 5

Reti: 13′ Giriodi, 40′ Santamaria, 64′ Mariani, 70′ Baldi, 78′ e 80′ Santamaria, 88′ Berardo

JUVENTUS: Faroppa II, Baldi, Bigatto, Leone, Goggio, Bona, Dalmazzo, Giriodi, Boglietti I, Arioni, Benvenuto.

GENOA: Lissone, Casanova, De Vecchi, Magni, Sardi, Leale, Mariani, Benvenuto, Berardo, Santamaria, Walsingham. Allenatore: Garbutt.

Arbitro: Pedroni.

Note: Recupero del 14 Febbraio 1915 quando la gara era rinviata per impraticabilità del campo.

Fulvio Banchero

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.