(S)Visti da Lontano – Per salvarsi il Genoa deve raccogliere almeno 4 punti nelle prossime 5 giornate

Preziosi sbaglia ancora: conferma Prandelli invece di richiamare Ballardini. Il tecnico di Ravenna avrebbe messo il pullman davanti alla porta a Ferrara e strappato un punto

2247
Federico Santini
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Preziosi sbaglia ancora: conferma Prandelli invece di richiamare Ballardini, l’unico che potrebbe dare una scossa in questa situazione “psico-drammatica”.

Il Professor Franco Scoglio sosteneva: «Il Genoa è una cosa particolare, ha un Dio tutto suo». Prandelli non è riuscito nell’impresa di dare una identità, una fisionomia, un gioco a una squadra che, soprattutto per sciagurate decisioni societarie, è scarsa e in caduta libera.

Il Genoa per salvarsi deve raccogliere almeno 4 punti nelle prossime 5 giornate. Il calendario è difficilissimo.

Solo un illuso potrebbe pensare di trovare a Ferrara una Spal sazia e arrendevole. La squadra di Semplici, a prescindere dal risultato di Bologna – Empoli, cercherà di vincere per chiudere aritmeticamente la questione salvezza. Il Genoa deve provare a mettere il pullman davanti alla porta e sperare di portare a casa un pareggio. Attività in cui Ballardini è un mago.

L’incontro interno con la Roma in piena corsa Champions e la successiva trasferta di Bergamo sono proibitive.

Appare invece sorridente la penultima di campionato interna con il Cagliari, già abbondantemente salvo.

Terrificante l’ultima di campionato a Firenze, campo clamorosamente sfigato per il Grifone. Basti ricordare che il Vecchio Balordo non vince al Franchi da tempo immemore, che in panchina siede Montella e che l’ultima retrocessione del Genoa avvenne nel giugno 1995 proprio a Firenze per mano del Padova.

Preziosi avrebbe dovuto richiamare Ballardini per cercare di portare via un punto da Ferrara. Ma il divorzio con il tecnico romagnolo ha lasciato evidentemente troppi cocci e situazioni irrisolvibili.

La galleria degli errori così continua. E’ bene ripassare in rassegna alcune dichiarazioni rilasciate quest’anno. Due sono significative.

Preziosi il 7 dicembre 2018, a proposito dell’ingaggio di Prandelli dichiarò: «Metterà a posto le cose, sono convinto che finiremo la stagione nella parte sinistra della classifica. A gennaio interverremo sul mercato per i rinforzi che saranno necessari, stiamo già seguendo alcuni giocatori. Non mi arrendo, è un momento difficile ma passerà».

Da ultime parole famose Perinetti il 17 gennaio su Piatek e l’attacco: «Siccome non abbiamo certezza che Piatek vada via, non ci siamo posti il problema e non ce lo vogliamo porre. Nel caso qualcosa ci inventiamo».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.