Gazzetta dello Sport, Marchetti: “La Nord regala emozioni speciali”

Presentato il numero 1

367
Marchetti
Federico Marchetti (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Il presidente Preziosi mi ha detto che dopo due stagioni difficili non vuole più soffrire”. Si è presentato così Federico Marchetti, 35enne da Bassano del Grappa, numero 1 e fardello pesante: sostituire Mattia Perin tra i pali del Luigi Ferraris e nel cuore dei tifosi rossoblù. Il nuovo portiere del Genoa, tuttavia, non arriva certamente da anni splendenti: “Senza essere tenuto in considerazione, allenandomi con la Primavera con altri cinque fuori rosa. Ma io non mi sono mai arreso, mi sono preparato al massimo e adesso credo di essere pronto: se volete, posso fare subito novanta minuti. Voglio dimostrare immediatamente a tutti che possono fidarsi di me”.

“Nella Lazio, prima che fossero state fatte scelte particolari, ero uno dei leader. Ho pagato scelte sbagliate, l’ultima fatta prendendo in parola chi mi aveva annunciato che restando alla Lazio avrei avuto spazio nel progetto. Ma ora preferisco pensare al Genoa, all’emozione speciale che regala questa squadra, che ha creduto in me fortemente”. Parole di un certo peso queste, tra le colonne de La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, impreziosite dalle 229 presenze in Serie A del calciatore. Che infine ha rivelato un aneddoto: “Preziosi mi ha inseguito a lungo. La prima volta già quando ero all’Albinoleffe e dovevo andare al Cagliari. Non vedo l’ora di scendere in campo davanti alla Gradinata Nord, che regala sensazioni speciali quando sei un avversario. Non oso pensare che emozione sarà averla davanti da genoano”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.