Tuttosport, il derby nelle parole dei due mister

"Può esser una bella giornata, " non è giudizio universale"

289
Juric in conferenza stampa a Pegli (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Sono positivo, potrebbe essere una bella giornata, è una grande occasione. Nei derby persi mancava la determinazione e quella ce la devono mettere i giocatori. Questa squadra mi sembra proprio che ce l’abbia, dovremo essere bravi a sfruttare ogni occasione e riuscire a mettere la giusta cattiveria in campo. Per fortuna è un derby e non servono altre motivazioni”. Ivan Juric ha parlato chiaramente, rivelando gli aspetti mentali cui poggi la preparazione alla stracittadina ma soffermandosi successivamente su dettagli tecnici: “Sandro ha recuperato ma non penso giochi dall’inizio, mentre Veloso ha lavorato bene e fisicamente è cresciuto ancora. Piatek è tornato molto bene dalla nazionale e in allenamento ha fatto benissimo”.

Le parole del tecnico di Spalato compaiono stamani nell’edizione odierna di Tuttosport, che rammenta come Juric abbia perso due derby mentre il collega sampdoriano Giampaolo ne abbia vinti tre su quattro: “Questo derby non è il giudizio universale, pesa molto ma non decide il lavoro di anni, è la partita forse più semplice da preparare, è una gara a cui devi togliere piuttosto che aggiungere qualcosa. I calciatori la sentono già, poco da spiegare anche ai nuovi. La sosta è stata un vantaggio per interrompere il trend negativo. Io ho rispetto per il Genoa e per il suo allenatore, e mi fido della Samp. Abbiamo due filosofie di calcio differenti, loro saranno aggressivi e cercheranno di giocare in profondità. Non voglio che la mia squadra cambi il suo modo di essere perché c’è il derby, è una partita che non devi subire ma che devi giocare. La paura nel calcio fa novanta, ma non deve esserci paura”.

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.