Thiago Motta: «Non sono pentito di aver detto di sì al Genoa»

L'ex tecnico a L'Equipe: «E comunque non avrei potuto dire di no quando il presidente Preziosi mi ha chiamato»

2583
Thiago Motta Genoa
Thiago Motta (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Non sono pentito di aver detto di sì al Genoa e comunque non avrei potuto dire di no quando il presidente Preziosi mi ha chiamato». In un’intervista a L’Equipe, ha raccontato di aver voluto fortemente la nomina per la panchina del Grifone: «Altri allenatori avevano rifiutato prima di me, ma era un momento difficile per un club dove avevo giocato un anno. L’idea è di trovare una panchina già quest’estate. Ho voglia di mettere in pratica quel che ho imparato, senza guardare al nome della squadra, e diventare sempre più forte».

L’ex tecnico e giocatore rossoblù conclude: «Cerco un progetto indipendentemente dal nome della squadra, dove ci sia comunione d’intenti. Se si inizia bene, ci sono poi grandi possibilità di finire altrettanto bene».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.