(S)Visti da lontano – Juric è il “jolly” per la panchina del Genoa

Preziosi potrebbe chiudere il rapporto con Ballardini e riprendere il tecnico croato per un progetto pluriennale. Le alternative: Vincenzo Italiano e Pippo Inzaghi

10798
Juric Hellas Verona
Ivan Juric (foto Facebook di Hellas Verona)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa sbanca Bologna e raggiunge la salvezza matematica. Dopo una giusta soddisfazione da tifosi, bisogna tornare lucidi e ricordarci che si tratta dell’ennesima stagione sportivamente sprecata.

Il Genoa da anni ormai sopravvive, senza alcun “piano” sportivo. La stagione in corso si era aperta con l’ennesima rivoluzione: via Marroccu e Nicola, dentro Faggiano con ampi poteri e la seconda scelta Maran. Preziosi è dovuto precipitosamente tornare sui suoi passi e dare il via alla più classica delle restaurazioni per rimediare una situazione disperata.

Il nostro grazie va a Marroccu e Ballardini per aver portato il Grifone in salvo.

Ora si apre l’estate rossoblù e ci saranno i soliti tormentoni stile canzoni di Enrique Iglesias e Giusy Ferreri. Preziosi che dice di voler vendere, ma non trova acquirenti. Preziosi e l’allenatore. Preziosi che rivoluziona la squadra dando vita a una serie infinta di operazioni in uscita e in entrata. Il tutto in attesa di arrivare a ottobre per ricambiare tutto.

Sicuramente il Presidente ha sempre amato rischiare, almeno a inizio campionato. Del resto, in base ai suoi calcoli che si sono sempre rivelati giusti come risultato finale, ogni stagione si può salvare anche se apparentemente compromessa da una scommessa persa.

Riteniamo che Preziosi manderà via Ballardini, il cui rinnovo automatico in caso di salvezza va letto come premio salvezza. Preziosi ritiene un allenatore ottimo per le situazioni difficili, ma non adeguato a “costruire” qualcosa. A Preziosi piace puntare su allenatori giovani e che “fanno giocare la squadra”.

Preziosi ha in mano due carte e un jolly. La prima carta è Vincenzo Italiano, anche se il suo rifiuto al Genoa di estate scorsa potrebbe pesare. La seconda carta è Inzaghi, anche se i risultati di Super Pippo al Benevento, soprattutto dopo il crollo verticale nel girone di ritorno, sono un deterrente.

Preziosi sta quindi pensando di sorprendere tutti e giocare il jolly con il ritorno di Juric a Genova per un progetto pluriennale. Del resto Preziosi è stato il primo a credere e a puntare su Ivan Juric, richiamandolo più volte. Ivan a Verona ha dimostrato di essere un aziendalista e un allenatore in grado di sapere far giocare bene la squadra (se messo nelle condizioni di scegliere).

Certi amori non finiscono.

Federico Santini Genoa Preziosi

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.