Radu: «Subìto gol nel momento peggiore. Bravi a reagire da grande squadra»

«La fiducia della società nei miei confronti è molto importante. Sono contento e fiero di vestire questa maglia» ha continuato il portiere rossoblù

1333
Radu e Ronaldo (Foto Genoa cfc Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Grande esordio dello Juric ter, che davanti all’ostile pubblico dell’Allianz Stadium riesce a conquistare un importantissimo punto fondamentale per la classifica, vista la difficile sfilza di partite che aspetta il Grifone. Un 1-1 conquistato non dal solito Piatek, ma da un’astuzia di Kouamé, che recupera una palla che tutti credono destinata a finire in corner e spiazza l’intera difesa bianconera servendo un pallone facile facile per Bessa. All’uscita dagli spogliatoi i microfoni di Radio Nostalgia raggiungono l’estremo difensore rossoblù, Andrei Radu. Ecco le sue dichiarazioni: «Nel primo tempo abbiamo subìto il gol nel momento meno adatto, però alla fine l’importante per un portiere è, quando sbagli, come reagisci dopo. Sono fiero dei miei compagni, perchè hanno reagito alla grande portando a casa un risultato».

Sulla fiducia da parte della società e del mister:
«È una cosa molto importante per un giovane portiere all’inizio della carriera in Serie A. Devo ringraziare tutti, il presidente, lo staff, i compagni, che mi danno sempre una mano. Sono contento e fiero di vestire questa maglia».

Sulla sua prestazione:
«In questa partita siamo stati tutti grandi. Abbiamo fatto una prestazione da giocatori importanti, quindi siamo contenti e dobbiamo ripartire da qui per le altre partite».

Nel finale la Juventus non riesce a sfondare la difesa rossoblù e si limita a calciare da fuori area: «Si vede che volevamo ottenere un grande risultato ad ogni costo e alla fine così è stato».

Sull’esordio dello Juric ter: «È una carica in più per noi, che ci dà la spinta per le prossime partite. Siamo i primi ad aver fermato la Juventus e di questo siamo contenti. Stasera ci godiamo questa vittoria e da domani si penserà all’Udinese».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.