Prandelli: “Gara in salita, ma ce l’abbiamo fatta anche con l’aiuto dei tifosi”

Il tecnico del Genoa: "C'è ancora molto, molto da lavorare: c'è una buona base comportamentale oltre a una discreta capacità tecnica"

3878
Prandelli
Mister Prandelli (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“E’ stata una salita lunga. Poi con l’aiuto del pubblico, la nostra arma in più, siamo riusciti a raddrizzare la gara”. Cesare Prandelli ha descritto così nella sua prima conferenza stampa post gara, il pareggio del Genoa contro la Spal. “Abbiamo fatto un buon secondo tempo. C’è ancora molto, molto da lavorare: c’è una buona base comportamentale oltre a una discreta capacità tecnica”. Ecco i punti principali.

“Il rosso a Criscito? Difficile da capire e ho dovuto cambiare qualcosa: hanno reagito bene i ragazzi che hanno cambiato. Nel secondo tempo è stato straordinario Kouamé in quella posizione: sono contento per la determinazione per portare a casa un risultato importante”

“Veloso e Sandro? Ero partito con l’idea di un centrocampo a tre con Sandro e Veloso. Poi con l’aiuto dei miei collaboratori, ho pensato che l’unico giocatore con caratteristiche differenti poteva essere Rolon: un rischio anche perché ho saputo che ha giocato poco, ma avevo bisogno di un giocatore con le sue caratteristiche”.

“Abbiamo un ottimo potenziale offensivo, ma dobbiamo essere capaci di costruire. I lanci lunghi sono un’alternativa: non dobbiamo farli sempre, altrimenti diventiamo prevedibili. Voglio però vedere la squadra quando sarà più tranquilla.”.

“Lazzari? Abbiamo sbagliato nel primo tempo i tempi d’uscita: nella ripresa siamo stati più ordinati”

“La Var va accettata anche se ci fa aspettare qualche secondo: è un modo democratico”

“Tutti viviamo di emozioni. Mi sono emozionato all’inizio, poi sono stato molto lucido”.

“Avremo tempo per pensare alla Roma, dobbiamo ricominciare martedì col piglio giusto. Doppia emozione ricominciare in questo stadio, straordinario attaccamento alla maglia, sono capaci di fare uscire sangue dalle orecchie. Secondo tempo abbiamo fatto cose migliori, più bassi e compatti. Dovremo cercare di costruire meglio l’azione da dietro. A Roma partita difficilissima”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.