Piquè a “Belin che Calcio”: «Il Museo del Genoa è la fine del mondo»

«Il calcio di oggi è molto più scientifico rispetto ai miei tempi, non so se sia un bene o un male»

741

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Belin che Calcio” ha intervistato Luciano Piquè, ospite al Museo del Genoa: «Sono di Mestre e ho conosciuto il Genoa nel 1959, un’annata disastrosa non solo per la retrocessione. Genova è una gran bella città, qui ho conosciuto mia moglie Andreina e questa cosa mi ha ripagato di ogni amarezza con il Grifone».

«Il Museo del Genoa è la fine del mondo che ogni genoano dovrebbe vedere. Complimenti a chi l’ha allestito e organizzato. Quando posso vado ancora al Ferraris» aggiunge Piquè.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.