“Noi che vincemmo a Wembley”: un pezzo della nostra vita

Non è la solita opera sul Genoa: non tanto per i ricordi che evoca, quanto per le emozioni – non necessariamente legate a qualcosa di particolare – che suscita

2050

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

LETTURE GENOANE 2021

Cari ed affezionati lettori,

un’altra, al mio posto, avrebbe intitolato questa lettera “Letture Genoane al tempo del COVID 19”.

Siccome odio gli stereotipi e – da circa un anno a questa parte – ho sviluppato una sorta di allergia nei confronti dei luoghi comuni, ho deciso di scrivervi e basta.

Il calcio è fermo.

Si è voluto dar vita a una sorta di rappresentazione di questo sport, illudendosi che giocare a stadio vuoto sia la stessa cosa; che vedere una partita in televisione o su internet equivalga a partecipare; che le sensazioni, le emozioni, gli stati d’animo che si provano sugli spalti possano essere sostituiti da una trasmissione, anche perfetta, anche in HD…

E poi , il Genoa, che sta attraversando l’ennesima fase difficile, nel quale molti di noi non si riconoscono. Cosa succederà non è dato sapere.

Nel frattempo, possiamo leggere, grazie ai nostri autori, testimonianze della nostra squadra, alcune delle quali originali ed inedite.

Qualcuno obietterà: vivere di ricordi?

Mai.

Come disse un grande intellettuale medioevale , in una citazione usata e abusata, noi siamo nani sulle spalle di giganti. La conoscenza del passato non dovrebbe mai essere fine a se stessa, bensì un punto di partenza per ridisegnare il futuro.

Conoscere per migliorare e rinnovare; ricordiamolo a tempo debito.

Buon 2021, cari lettori e…speremmu ben.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.