La Cnn parla dei tifosi del Genoa: “In silenzio per 43 minuti in onore delle vittime del Ponte Morandi”

Il sito dell'emittente americana ha dedicato un articolo al silenzio assordante praticato da tutta la tifoseria rossoblù: "L'atmosfera dello stadio Luigi Ferraris è stata muta e cupa, anche quando il Genoa è andato in vantaggio per 2-0"

4763
Genoa Empoli
Il minuto di raccoglimento dopo la tragedia di Ponte Morandi durante Genoa-Empoli (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Gli stadi di calcio diventano normalmente una vera e propria cacofonia mentre i tifosi rivali tifano per le rispettive squadre”. Così inizia il report riguardante Genoa-Empoli sul sito della Cnn: ma ieri sera al “Tempio” è stato tutto diverso. La celebre tv americana ha puntato la sua attenzione sull’iniziativa dei tifosi, vero fulcro di tutta la serata. “Circa 20.000 supporter sono rimasti in silenzio per 43 minuti per onorare le vittime del crollo del Ponte Morandi, mentre il Genoa è tornato a giocare domenica per la prima volta dalla tragedia”.
L’emittente statunitense prosegue: “I tifosi del club italiano hanno chiesto “un silenzio assordante di 43 minuti, uno per ogni bambino, lavoratore, studente, padre o madre che non sono più con noi oggi”. E racconta com’era l’ambientazione: “Per la maggior parte del primo tempo contro l’Empoli di Serie A, l’atmosfera dello stadio Luigi Ferraris è stata muta e cupa, anche quando il Genoa è andato in vantaggio per 2-0”.

L’articolo si conclude così: “Dopo 43 minuti i nomi delle vittime della catastrofe del 14 agosto sono stati visualizzati su grandi schermi per applausi estatici e da allora i fan sono tornati al loro solito supporto vocale. Gli striscioni che commemoravano il disastro sono stati esposti in campo oltre che in altri stadi della Serie A durante il fine settimana. Il Genoa ha vinto la partita di domenica 2-1”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.