Kessisoglu lancia “C’è da fare”: «Un progetto sociale per Genova»

L'artista genovese e genoano racconta com'è nato il brano

1051
Kessisoglu
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Paolo Kessisoglu lancia “C’è da fare”, un brano che fa parte di un progetto sociale per raccogliere i fondi per riqualificare la zona di Albaro-Valpolcevera. Il 14 agosto 2018 è la data della tragedia di Ponte Morandi, un giorno che nessun genovese scorderà mai più. «Ero a San Francisco, la canzone è nata da un pianoforte di una libreria: le note scivolavano sulla tastiera» spiega Kessisoglu.

I fondi dei downloads e degli acquisti del cd saranno raccolti dall’Associazione “Occupy Albaro”. Il titolo è emblematico per l’attuale situazione di Genova: “C’è da fare”. C’è molto da fare nella Superba. «Ivano Fossati mi ha dato fiducia dopo avergli proposto la composizione musicale» aggiunge Paolo Kessisoglu, tifoso genoano, a gazzetta.it. Oltre a Fossati la partecipazione prevede anche Gianni Morandi, Annalisa, Arisa, Boosta, Fiorella Mannoia, Gino Paoli, Giorgia, Giuliano Sangiorgi, Ivano Fossati, Izi, J-Ax, Joan Thiele, Lo Stato Sociale, Luca Carboni, Malika Ayane, Mario Biondi, Massimo Ranieri, Mauro Pagani, Max Gazzè, Nek, Nina Zilli, Nitro, Raphael Gualazzi, Ron, Simona Molinari.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.