Gravina: «Concludere la serie A ad ottobre? E’ un’ipotesi»

Il presidente Figc in un'intervista alla Domenica Sportiva su Rai Due: «Ci rimettiamo alle scelte delle autorità»

373
Gravina
Gabriele Gravina (Foto Giuseppe Bellini/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Finire i campionati a settembre od ottobre? Si tratta di un’ipotesi». In un’intervista alla Domenica Sportiva su Rai 2, Gabriele Gravina ha spiegato gli ultimi sviluppi per la possibile ripresa dei campionati, in particolare per la serie A. «Al momento una possibile data per ripartire – prosegue il presidente della Figc – potrebbe essere quella del 17 maggio, ma ci tengo a precisare che è solo un’ipotesi. Chiudere la stagione, sarebbe il modo migliore non solo per non compromettere la stagione 2019/2020, ma anche per evitare di compromettere in ogni modo la stagione 2020/2021».

DECISIONI AUTORITA’ – «Confido molto nelle autorità scientifiche del nostro paese e nelle autorità di governo del nostro paese, ci dobbiamo rimettere alle loro decisioni. Prendere autonomamente delle scelte negative di sospensione o annullamento delle competizioni sportive esporrebbe il nostro mondo a delle responsabilità da un lato sportive e dall’altro contrattuali verso le quali noi non avremmo nessuna possibilità di difesa con una decisione negativa in questo momento».

RISCHI LEGALI – «Siamo alla ricerca di una modalità che non solo non comprometta questa stagione, ma anche la prossima. La valanga di contenziosi ai quali saremo sottoposti, con tutti i soggetti che potrebbero vedere lesi gli interessi, si correrebbe il rischio di vedere una stagione disputarsi nelle aule dei tribunali».

COVERCIANO – «Mettere a disposizione Coverciano da un lato ha voluto suggellare l’amicizia con la città di Firenze, dall’altro permettere la guarigione di chi sarà ospitato. Mi piace condividere quest’idea con il sindaco Nardella, e l’espressione di casa della solidarietà, che abbiamo dato».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.